Social Media HSHS

Inline

Nel campionato inline di LNA il Malcantone ha sfiorato l’impresa con il Rossemaison

Sabato scorso nella Shark Arena di Cassina d’Agno è andato in scena lo scontro al vertice della classifica di LNA tra la capolista Malcantone e il campione in carica Rossemaison.

Nel primo caldo torrido della stagione gli uomini di Kevin Schuler sono partiti alla grande, dettando il ritmo e portandosi sul 3 a 0 dopo 20 minuti, grazie alle reti di Briccola, Alberti e Leone. Nel secondo tempo, complici le penalità a sfavore, i padroni di casa hanno rallentato le operazioni, mentre i giurassiani hanno viepiù ritrovato il proprio gioco, che avevano smarrito nella prima frazione di gara.

Numeri alla mano il Rossemaison ha tirato in porta 28 volte, contro le 11 del Malcantone, che è però riuscito a superare indenne una doppia inferiorità numerica. La doppietta di Vincent Stemer a metà gara ha riaperto l’incontro, mentre la rete del top sniper Alexis Neukomm nelle prime battute dell’ultimo periodo ha rimesso la chiesa in mezzo al villaggio.

Il Malcantone non si è però perso d’animo e spinto da un generosissimo Franco Briccola ha ricominciato a macinare gioco, riuscendo a tornare avanti per 4 a 3 grazie al tiro vincente di Axel Leone. Gioia di breve durata, visto che neppure due minuti dopo Stemer aveva già rimesso in parità l’incontro. Ma la doccia fredda è arrivata al 53esimo, quando in superiorità numerica Gautier Choffat si è inventato una rete da angolazione impossibile, forse l’unica incertezza dell’altrimenti ottimo estremo difensore ticinese Demian Burri.

L’arrembaggio finale, per la verità alquanto timido e incerto, non ha dato i frutti sperati anche perché Joel Vuillemier, miglior portiere d’Europa da oltre un decennio, ha deciso di chiudere la saracinesca. La sirena finale ha dunque sancito l’importantissima vittoria per 4 a 5 del Rossemaison, che nonostante lo svantaggio iniziale è riuscito a compattarsi e ribaltare le sorti della partita, dimostrando di essere campione svizzero anche nei famosi dettagli che fanno la differenza.

“Sono contento, ma anche un po’ deluso”, ammette coach Schuler “siamo forti, ma grossolani e non siamo ancora capaci a dare il tutto per tutto, come invece hanno fatto loro”. Sabato 18 giugno alle 18.00 sulla pista di Cassina d’Agno il Malcantone continua la sua caccia di punti contro la neopromossa Avenches.

Impresa solo sfiorata anche per il Sayaluca II, che nei quarti di finale di coppa Svizzera contro il Buix, compagine di LNA, ha dimostrato di riuscire ad alzare velocemente il proprio livello di gioco. Sorpresi dal ritmo incalzante dei giurassiani, i ticinesi sono passati sotto per 6 a 1. Partita chiusa? Niente affatto. Spronato da Luca Foglia e Alberto Früh, entrambi autori di una tripletta, il Sayaluca II ha imbastito una lenta ma inesorabile rimonta a cui è mancata quel pizzico di fortuna ed esperienza in più per finirla in bellezza.

Alla fine il Buix l’ha spuntata sul punteggio di 11 a 8. Una sconfitta, che mette in luce soprattutto le qualità di questo Sayaluca II, che ha lottato fino all’ultimo secondo per tentare di ribaltare il punteggio, contro una squadra che la settimana prima si era tolta la soddisfazione di sconfiggere il Sayaluca di LNA. “Sono fiero di allenare questi ragazzi” conclude il coach Marco Buholzer.

Il prossimo fine settimana al Palamondo di Cadempino il Sayaluca II affronterà un Doppelspiel casalingo dapprima sabato alle 14.00 contro il La Broye, poi domenica alle 12.00 contro l’Oensingen.

In LNA, ottimo anche il fine settimana del Sayaluca di Roy Bay, che è riuscito a conquistare 6 punti in due partite davanti al proprio pubblico. Sabato contro il Lechelles, Christian Didier e compagni hanno dovuto attendere il terzo tempo per chiudere definitivamente la contesa. Sotto per 4 a 2 dopo 40 minuti, gli ospiti sono stati travolti da un parziale di 8 a 1 sinonimo di 12 a 3 finale.

Domenica contro il fanalino di coda dell’Ajoie non c’è mai stata partita e prima Damien Giubbini e poi Noham Demarta tra i pali si sono intercalati per festeggiare uno shoot out condiviso sul punteggio rugbistico di 20 a 0. “Abbiamo fatto un piccolo passo nella direzione giusta, ma il lavoro da fare è ancora tanto” ci spiega coach Bay, “continuiamo a lavorare sul nostro gioco e soprattutto su noi stessi”. Sabato 18 giugno alle 17.00 nel Palamondo di Cadempino, il Sayaluca ospiterà il Bienne Skater 90.

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità

Partner

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Inline