Social Media HSHS

Inline

Il Malcantone è campione svizzero di inline hockey, battuto in finale il Sayaluca

Il Malcantone è campione svizzero di inline hockey! Al termine di una serie combattutissima gli uomini di Kevin Schuler hanno alzato la coppa per la prima volta nella propria storia, vincendo gara 4 per 3 a 2 contro il Sayaluca. Dopo l’1 a 1 nella serie al meglio delle cinque partite, nel fine settimana Sayaluca e Malcantone si sono affrontate in un “Doppelspiel” al Palamondo di Cadempino, che ha premiato gli ospiti, dimostratisi più compatti e disciplinati in difesa e soprattutto più affamati di vittoria dei padroni di casa, forse troppo sicuri di chiudere la serie tra le mura amiche.

Sabato in gara 3, circa 1000 tifosi hanno assistito ad un incontro di rara bellezza e intensità. Dopo il 2 a 1 al termine del primo tempo, un guizzo da maestro dell’onnipresente Andrea Involti e la seconda rete di Alessandro Spinetti hanno permesso al Malcantone di portarsi avanti di 3 reti. A svegliare il Sayaluca ci ha pensato la grinta del solito Marcel Muri, che però ha dovuto assistere alla rete capolavoro di Reto Bernasconi, imbeccato perfettamente da Jan von Ritter.

Al 38esimo è poi arrivata la rete del temporaneo 5 a 3 ad opera dell’indefesso Matteo Kaufmann. Con un Sayaluca sicuramente più propositivo, ma un Malcantone molto solido e aggressivo in difesa, la partita era scandita dalle innumerevoli parate, compreso qualche miracolo, dell’estremo difensore degli ospiti, Demian Burri, senza dubbio il migliore in campo. A nove minuti dal termine il top sniper del Malcantone, Franco Briccola, si inventava la rete del 6 a 3 con un gesto tecnico da antologia. Ma il Sayaluca non è solito arrendersi e tra il 58.07 e il 59.00 Raffaele Meli ha realizzato la sua doppietta sinonimo di 5 a 6. Il cronometro è però diventato nemico dei padroni di casa, che nonostante l’arrembaggio finale hanno dovuto concedere il “break” agli ospiti del Malcantone.

Neppure 20 ore dopo, sempre al Palamondo di Cadempino, avanti per 2 a 1 nella serie, il Malcantone si apprestava a giocarsi il primo match ball, mentre il Sayaluca, ormai con le spalle al muro, era obbligato a vincere se voleva portare la serie alla “bella” di gara 5 nuovamente a Cassina d’Agno. Un po’ a sorpresa, invece del “forcing” in perfetto stile “o la va o la spacca” del Sayaluca, il pubblico ha potuto ammirare le rapide segnature di Yannick Ruspini e Jan Von Ritter per il 2 a 0 del Malcantone dopo soli 6 minuti di gioco. Poi la partita si è rimessa sui binari preferiti degli ospiti e cioè con il Sayaluca che spinge, ma neanche troppo, e il Malcantone che gestisce con un certo agio la fase difensiva, anche in inferiorità numerica. Gli uomini di Roy Bay hanno dovuto attendere il 49esimo minuto per realizzare la prima rete firmata Fabiano Santoro, seguita 3 minuti dopo dal pareggio di Michele Crivelli. Unitamente alla partita si sono aperte anche le difese e le occasioni da rete sprecate da una parte come dall’altra non si contavano più.

Al 56esimo, il Malcantone si è trovato per la prima volta a gestire una superiorità numerica, perfettamente sfruttata dal tiro imparabile di Alessandro Spinetti, uno dei grandi protagonisti di questa finalissima. 3 a 2 ed emozioni a non finire negli ultimi attimi di gara 4, la cui sirena finale ha consacrato il Malcantone campione Svizzero di inline hockey 2022. Le lacrime di gioia degli ospiti si sono mischiate alle lacrime di tristezza dei padroni di casa il tutto in un Palamondo dal clima ormai surreale e dal carico emozionale indescrivibile. “Non ho ancora veramente realizzato, è una cosa incredibile” in lacrime il coach del Malcantone Kevin Schuler “non volevamo giocare contro il Sayaluca, viste le sconfitte negli scontri diretti, ma ci sono partite che puoi perdere e altre che devi vincere”.

“Hanno seguito benissimo il proprio game plan” ammette coach Roy Bay “molto solidi in difesa con un Demian Burri fenomenale in porta. Parliamoci chiaro, se vinci due volte al Palamondo meriti di alzare la coppa”. Grande fair play e correttezza dunque tra queste due squadre che si conoscono a memoria e che ci hanno fatto sognare durante la prima finale 100% ticinese della storia dell’inline hockey. Una stagione fantastica anche per gli sconfitti, che dopo un inizio di campionato catastrofico, sono riusciti a raggiungere la finale di campionato europeo per squadre in agosto, per poi conquistare la coppa Svizzera e adesso laurearsi vicecampioni Svizzeri davanti al proprio pubblico.
Schuler e Bay sono entrambi felici per quei giocatori storici del Malcantone, quali Alberti, Lurati, Casellini, Ruspini, Müller e Prior che dopo una vita dedicata a questo sport vedono finalmente ricompensati i propri sforzi con il massimo riconoscimento possibile per un giocatore di inline hockey.

“Non me l’aspettavo proprio, ci è mancata la fame e quella cattiveria necessaria per recuperare le palline” ammette un deluso Viero Foglia, presidente del Sayaluca, pronto ad elogiare i nuovi campioni “non hanno un gioco bello, ma molto efficace, merito dell’allenatore Kevin Schuler che è riuscito a far fare il click ai suoi giocatori”.

Visibilmente commosso anche il presidente del Malcantone Pio Ruspini, che ricorda “nel 2019 Schuler mi ha promesso di portare il Malcantone in finale entro tre anni. Gli ho dato fiducia e questo è il nostro premio”. Non nasconde però un po’ di amarezza “per quei giocatori, che non hanno creduto nel nostro progetto e sono andati a giocare nel Sayaluca, pensando di trovare l’America, mentre invece l’America l’abbiamo trovata da noi lavorando duramente con costanza e pazienza.” Una vittoria che ha un sapore di rivalsa per il miglior giocatore di questa serie di finale, il portiere del Malcantone, Demian Burri: “quando ho realizzato che avevamo vinto il campionato ho pensato a chi non mi ha dato spazio nell’hockey su ghiaccio. Questa è la mia rivincita!”

Adesso l’inline hockey va in letargo e noi avremo tutto il tempo necessario per elaborare le molte emozioni vissute quest’anno, ma sarà ancora il Ticino a riaprire le danze di questo bellissimo sport, con la Supercoppa di marzo 2023 che si disputerà a Pregassona e che vedrà il Malcantone, fresco vincitore del campionato, sfidare il Sayaluca, vincitore della coppa Svizzera.

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità

Partner

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Inline