Social Media HSHS

Inline

Equilibrio perfetto tra Malcantone e Sayaluca nella serie di finale di LNA

Il primo “Doppelspiel” della finalissima del campionato svizzero di LNA tra Malcantone e Sayaluca disputatosi sabato e domenica nella Shark Arena di Cassina d’Agno ha superato ogni aspettativa.

Complice un fondo irregolare soprattutto per le temperature invernali, il pubblico record di circa 450 persone, non ha assistito alle partite più belle di questa stagione, ma sicuramente alle più emozionanti. Sabato, gli ospiti del Sayaluca sono partiti a razzo, mentre la tensione dei padroni di casa, per la prima volta in finale, giocava un brutto scherzo, sinonimo di 2 a 0 per gli uomini di Roy Bay ad opera di Davide Sundermann e Marcel Raggi dopo appena 3 minuti.

A ridurre lo scarto ci ha pensato poco dopo il top scorer del Malcantone Franco Briccola. Con il passare dei minuti, i padroni di casa sono entrati in partita anche con la testa e nel secondo tempo sono riusciti a pareggiare, grazie ad Axel Leone. A quel punto le difese si sono strette ulteriormente e le occasioni si sono fatte più rare da ambo le parti. Nel terzo tempo, la squadra di casa ha tentato di chiudere la pendenza entro il sessantesimo, ma due veri e propri miracoli dell’estremo difensore del Sayaluca Stefano Brazzola, hanno trascinato ai supplementari questa prima sfida al cardiopalmo. Mentre il pubblico rischiava il collasso cardiaco, in campo le ticinesi si sono ben contenute, rinviando la decisione ai rigori.

Un esercizio che ha sorriso al Sayaluca, che dapprima con un magnifico gesto di Aron Fassora e poi con un polsino implacabile del capitano Marcel Müller ha conquistato il primo punto di questa finale al meglio delle cinque partite. “Dopo il 2 a 0 iniziale pensavamo di dilagare, ma il Malcantone non è arrivato in finale per caso” ammette capitan Müller.

Neppure 20 ore dopo la fine di gara 1, ecco le due migliori squadre del campionato Svizzero nuovamente sullo stesso campo per gara 2. Galvanizzati dalla vittoria di sabato, i giocatori del Sayaluca hanno dominato il primo tempo, sfruttando in modo ottimale le superiorità numeriche e mostrandosi superiori in tutti i reparti di gioco. I padroni di casa invece sono apparsi contratti per quasi metà partita, il tempo di ritrovarsi sotto di 4 reti, realizzate da Kaufmann, Fassora, Muri e Meli. Una seria ipoteca sulla vittoria finale, che avrebbe potuto pesare moltissimo sull’economia dell’intera serie.

E invece, al 32esimo Alessandro Spinetti suonava la carica, imitato poco dopo da Simon Rumo, mentre al 38esimo Axel Leone portava i suoi a -1. Nel periodo conclusivo gli ospiti hanno ricominciato a macinare gioco, costringendo il Malcantone ad occuparsi soprattutto di difendere. Ma al 55esimo, un po’ contro l’andamento del gioco, è arrivato il pareggio del Malcantone, grazie alla coppia di attacco Leone-Involti.

Una rete che ha fragilizzato il Sayaluca che ha rischiato di capitolare ancor prima del termine dei tempi regolamentari. Ai supplementari la decisione è arrivata dalla paletta del top sniper del Malcantone Franco Briccola, il cui tiro in superiorità numerica ha fatto esplodere la Shark Arena, sinonimo di 5 a 4 e 1 a 1 nella serie. Una vittoria in un derby, che mancava da ben 4 anni, ottenuta al termine di un’incredibile rimonta. “Durante la pausa tra il primo e il secondo tempo sia io che l’allenatore Schuler ci siamo arrabbiati molto, ricordando ai ragazzi di smettere di pensare agli avversari e concentrarci sul nostro gioco” ci spiega capitan Hurni.

Nonostante la sconfitta di domenica, il Sayaluca ha fatto il “break” necessario per guardare con fiducia alle prossime due sfide, che si terranno nel Palamondo di Cadempino sabato 19 novembre alle 17.00 e domenica 20 novembre alle 14.30. Cosa sarà più importante? Il vantaggio casa del Sayaluca o il fatto che il Malcantone si è finalmente sbloccato in un derby? Non vediamo l’ora di scoprirlo!

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità

Partner

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Inline