Social Media HSHS

National League

Raffainer: “Cereda ha ragione, la mia non è stata un’azione corretta e per questo mi scuso”

Il CEO del Berna risponde alle affermazioni dell’allenatore biancoblù: “È stato un grave errore, ma non ricapiterà più. Spesso sono nel tunnel degli spogliatoi con sponsor e clienti per mostrare loro l’entrata in pista dei giocatori”

© SIHF

BERNA – L’epilogo della sfida giocata dall’Ambrì Piotta a Berna – risolta da Untersander all’overtime – è stato caratterizzato dalle dure affermazioni di coach Luca Cereda, che ha definito inaccettabile la presenza del CEO degli orsi Raeto Raffainer nel tunnel degli spogliatoi e le sue discussioni con gli arbitri tra i periodi di gioco.

“Mi voglio come prima cosa scusare con Cereda, Duca, l’Ambrì Piotta e gli arbitri”, ci ha spiegato Raffainer. “Luca con le sue parole ha avuto ragione al 100%. A volte sono nel passaggio degli spogliatoi con persone importanti, clienti e sponsor, per mostrare loro lo spettacolo di vedere le squadre che scendono sul ghiaccio o che rientrano negli spogliatoi”.

“Nell’ultima partita contro il Lugano ho dovuto proteggere gli arbitri, perché c’erano molte rimostranze negative contro di loro. Stavolta ho detto pure io qualcosa nei loro confronti, durante la prima pausa. È stato un grande errore da parte mia, non è stata un’azione corretta. Nella seconda pausa sono andato a scusarmi. Chiedo perdono, non ricapiterà più”.

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Partner

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in National League