Social Media HSHS

NHL

I Flyers hanno aggiunto van Riemsdyk al loro arsenale, gli interrogativi restano tra i pali

L’attaccante è tornato a Philadelphia e andrà a rinforzare una top six che potrebbe vedere capitan Giroux tornare al centro. Elliott e Neuvirth in porta non sono una certezza, si attende il talentuoso Carter Hart

A partire dal 3 ottobre ricomincerà lo spettacolo della NHL, con quattro partite che daranno il via ufficialmente al campionato più bello del mondo.

Anche quest’anno HSHS vi proporrà la presentazione di tutte e 31 le franchigie della NHL, con degli articoli riassuntivi che ci accompagneranno sino ad inizio ottobre.


FLYERS

La rosa 2018/19

PORTIERI
Brian Elliott, Michal Neuvirth, Carter Hart

DIFENSORI
Andrew MacDonald, Shayne Gostisbehere, Radko Gudas, Roberto Hägg, Ivan Provorov, Travis Sanheim, Christian Folin

ATTACCANTI
Claude Giroux, Jakub Voracek, James van Riemsdyk, Jori Lehterä, Sean Couturier, Wayne Simmonds, Dale Weise, Michael Raffl, Jordan Weal, Scott Laughton, Nolan Patrick, Oskar Lindblom, Travis Konecny, Taylor Leier


In maniera per certi versi inaspettata, i Philadelphia Flyers hanno compiuto un bel balzo avanti nel corso della passata stagione, incrementando di dieci punti il loro bottino a fine regular season (98) e tornando a qualificarsi ai playoff.

La squadra si è ora rinforzata grazie al ritorno dell’attaccante James van Riemsdyk, che ha messo la firma su un contratto di cinque stagioni per un totale di 35 milioni di dollari. A Toronto il giocatore ha fatto registrare la sua miglior annata della carriera con un bottino di 36 gol, mentre a livello di giovani promesse le grandi attese sono concentrate sul portiere Carter Hart, che potrebbe avere una chance nel corso dell’anno vista la nota fragilità di Neuvirth e gli alti e bassi di Elliott.

Queste dovrebbero essere le due novità principali, visto che per il resto i Flyers si presenteranno con un lineup praticamente invariato rispetto ad un anno fa. I tre principali attori dell’attacco saranno come da tradizione Claude Giroux, Sean Couturier e Jakub Voracek, tutti e tre reduci da delle stagioni strepitose.

Con l’arrivo di James van Riemsdyk si potrà inoltre avere più flessibilità nei confronti di Giroux, lo scorso anno spostato all’ala ma che nel prossimo campionato potrebbe tornare più spesso al centro. Una progressione se la si può inoltre attendere da Konecny e Patrick, così come da un Gostisbehere sempre più brillante e capace nell’ultima stagione di reagire positivamente ad un infortunio.

Guardando invece al reparto difensivo, un primo appunto deve essere dedicato al centro Couturier, lo scorso anno finito al secondo posto nella corsa al Selke Trophy, mentre in retrovia gli elementi più talentuosi restano il già citato Gostisbehere ed il giovane Ivan Provorov.

Il resto del reparto – a dipendenza di chi “sopravviverà” al training camp – è piuttosto giovane e potrebbe essere composto da tanti elementi tra i 21 e 25 anni di età. A loro si aggiungeranno i veterani Radko Gudas e Andrew MacDonald.

La porta sarà affidata alla coppia formata da Brian Elliott e Michal Neuvirth, entrambi in scadenza di contratto e dunque con parecchio da dimostrare. Non è infatti un segreto che Philadelphia attende con impazienza la maturazione di Carter Hart, ed anche il giovane Alex Lyon promette piuttosto bene.


Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in NHL