Social Media HSHS

Interviste

Riat: “Ho avuto la chance che attendevo, porto intensità per dare spazio a Meier e Hischier”

L’attaccante è passato da un ruolo nel bottom six alla prima linea: “Sono orgoglioso anche solo di poter scendere sul ghiaccio. Abbiamo avuto una bella reazione, la prestazione nel primo tempo non era accettabile”

HELSINKI – Per diverse partite in sovrannumero, oppure schierato nel bottom six, Damien Riat nella sfida contro la squadra si è ritrovato nella prima linea di Hischier e Meier, e la sua risposta è stata positiva con una prestazione solida ed un gol fondamentale.

“Ero orgoglioso anche solo di poter far parte dell’effettivo che sarebbe sceso in pista, perché nel mio ruolo mi è capitato di guardare la squadra dalla tribuna”, ci ha spiegato l’attaccante del Losanna. “Sono però restato positivo sin dall’inizio del torneo, attendevo solamente una chance ed in questa partita l’ho avuta. Penso di aver dato un buon contributo, sono molto felice per la vittoria”.

Ed in più hai trovato anche il gol, una bella soddisfazione…
“Esatto! Ho cercato di creare un po’ di confusione davanti alla porta, ed in qualche modo sono riuscito a trovare una deviazione, anche se all’inizio non ero sicuro che il gol fosse mio. È stato un bel momento, anche se per ora il disco non me lo hanno ancora portato (ride, ndr)! La cosa importante comunque è come abbiamo terminato questo match, la prestazione nel primo periodo non era stata accettabile ma poi abbiamo reagito”.

Cosa ti ha chiesto Fischer nel completare la prima linea?
“In un blocco del genere il mio compito è principalmente quello di portare intensità, finendo i check e giocando in maniera semplice, così da aprire degli spazi per i miei compagni. Il mio raggio d’azione è principalmente attorno allo slot, mentre Nico e Timo sappiamo tutti benissimo cosa possono fare con la loro tecnica. In questa occasione ci siamo riusciti bene”.

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità

Partner

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Interviste