Social Media HSHS

Interviste

Fischer: “Nel terzo tempo eravamo bloccati, abbiamo pagato l’essere troppo passivi”

Il coach dopo l’eliminazione: “Non penso mancasse leadership. Anche stavolta abbiamo incassato un gol nell’ultimo minuto, è stato uno shock. Questo però è lo sport, può non piacerci questa sensazione ma è così”

RIGA – Quel maledetto ultimo minuto di partita, che già a Kosice aveva riservato un quarto di finale amarissimo contro un Canada che presentava nomi importanti, ma che la Svizzera aveva praticamente battuto. Come due anni fa – ma stavolta contro un avversario sulla carta più abbordabile – la Nazionale è inciampata ad un nulla dal traguardo, chiudendo un buon Mondiale in maniera amara.

“Chiaramente fa molto male. Abbiamo lavorato duramente per settimane ed eravamo pronti per i quarti di finale, ma siamo stati eliminati”, ha commentato coach Patrick Fischer via Zoom. “Anche stavolta abbiamo incassato un gol nell’ultimo minuto, e al momento è ancora uno shock pensarci. Questo però è lo sport, può non piacerci questa sensazione ma è così”.

Nel terzo tempo avete quasi rinunciato a giocare, cosa è successo?
“Abbiamo dato troppo facilmente la linea rossa agli avversari. Ho cercato di spronare i miei giocatori dicendo loro di continuare a spingere, ma eravamo bloccati e alla fine abbiamo dato troppo spazio alla Germania. Nel terzo tempo abbiamo semplicemente concesso troppo ghiaccio”.

Parli di un blocco, vi è mancata personalità nelle fasi più importanti del match?
“Non penso mancasse leadership. Era una situazione in cui la Germania doveva spingere e portarsi in attacco, mentre noi abbiamo avuto anche un paio di occasioni per andare sul 3-1 ma non è successo… Alla fine abbiamo preso ancora un gol nel finale, e se finora negli ultimi dieci minuti delle sfide avevamo fatto bene, stavolta siamo stati troppo passivi”.

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità

Partner

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Interviste