Social Media HSHS

NHL

Cory Schneider sembra al capolinea ai Devils, ma è presto per pensare a un ritorno in NLA

New Jersey ha girato il portiere dal passaporto rossocrociato in AHL, ed è verosimile immaginare un buyout nel corso della prossima estate. Se così sarà, il ritorno dell’ex biancoblù in Svizzera diventerà un’opzione

NEWARK – Nella serata di lunedì i New Jersey Devils hanno girato il portiere Cory Schneider al proprio farm team AHL, che il giocatore raggiungerà non appena superata la fase di waivers.

La notizia è immediatamente stata collegata al suo passaporto svizzero e all’ipotetica possibilità di un suo futuro ritorno in NLA, dopo aver difeso la porta dell’Ambrì Piotta nell’ultimo lockout.

Il 33enne ha ancora un contratto valido sino al 2022 con una remunerazione stagionale di 6 milioni di dollari, ma dopo le difficoltà delle ultime stagioni è verosimile pensare che i Devils optino per un buyout nel corso della prossima estate. Difficile infatti pensare di piazzare un contratto del genere attraverso uno scambio.

Se questo succederà – comporterebbe un cap hit “morto” di 2 milioni a stagione sino al 2024 per i Devils – ecco che un suo eventuale ritorno in Svizzera potrebbe rappresentare un’opzione.

In questo senso la NZZ ha interrogato il DS del Bienne, Martin Steinegger, alla ricerca del futuro successore di Jonas Hiller. “Se dovesse arrivare un buyout, da parte nostra potrebbe esserci un interesse”, ha risposto. Nel frattempo Schneider cercherà di ritrovare la forma con i Binghamton Devils, dove troverà il connazionale Gilles Senn.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in NHL