Social Media HSHS

Interviste

Meier: “Una prima partita solida da tutta la squadra, ma tanto si può ancora migliorare”

L’attaccante degli Sharks è andato subito a segno con una doppietta: “Scendere in pista con Hischier e Andrighetto è facile. Nico è un esempio da seguire a tutta pista, la nostra intesa sta crescendo sempre più”

RIGA – La sfida di debutto contro la Cechia poteva essere insidiosa, ma la Svizzera non ha deluso. Anzi, difficilmente le cose sarebbero potute andare meglio per la selezione di Patrick Fischer, che ha già saputo mostrare sul ghiaccio tante delle sue qualità.

L’aspetto più importante è però il fatto che, oltre a convincere, la squadra ha anche evidenziato di avere dei margini di crescita, sostenuta da elementi di assoluto livello come un Timo Meier immediatamente a bersaglio con un’importante doppietta.

“La chiave è stata sicuramente una prestazione solida a livello di squadra”, ci ha spiegato via Zoom il giocatore dei San Jose Sharks. “Nel corso della partita abbiamo avuto degli alti e bassi, ma non abbiamo mollato e ci siamo difesi bene, sostenuti anche da un Genoni che ha giocato un’ottima partita. Siamo inoltre soddisfatti di aver subito sfruttato gli special teams, perché sappiamo saranno molto importanti nel corso del torneo”.

Il powerplay si è rivelato subito micidiale, cosa vi ha permesso di trovare un’efficacia simile già alla prima partita?
“Entrambe le linee hanno seguito bene le direttive dell’allenatore e le giocate che avevamo provato in allenamento. Non in tutti i powerplay le cose sono andate come volevamo, ma non ci siamo fatti frustrare ed abbiamo continuato ad insistere sino a quando le chance sono arrivate… In quei momenti siamo stati bravi a farci trovare pronti e a mandare il puck in rete, e questo è ciò che conta”.

Hai giocato questa prima partita con Hischier, la giusta intesa tra voi due potrebbe essere un’arma fondamentale per questa Svizzera…
“Naturalmente Nico è un ottimo giocatore, dunque è facile scendere in pista con lui, e questo vale anche per Andrighetto. In questa prima partita abbiamo potuto contare su quattro linee disposte a pagare il prezzo per vincere… Sappiamo che il nostro blocco ha dei compiti offensivi, ma dobbiamo anche essere responsabili difensivamente ed in questo Hischier è un esempio da seguire a tutta pista. L’intesa tra noi due sta aumentando, ci vorrà un po’ di tempo perché non abbiamo giocato molto assieme, dunque sarà importante puntare sulla semplicità e poi il nostro talento farà il resto”.

Domenica si tornerà subito in pista, e la Danimarca non è un avversario da sottovalutare…
“Sicuramente, sarà un’altra partita importante. Hanno battuto la Svezia nella loro prima partita e dunque scenderanno in pista con grande fiducia… Prenderemo tutto ciò di buono che è uscito da questa nostra prima prova, ma guarderemo anche alle cose che possiamo migliorare perché non vogliamo certo esaltarci dopo una vittoria. Saremo pronti”.

Click to comment
Pubblicità

Partner

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Interviste