Social Media HSHS

Ambrì Piotta

L’Ambrì chiude l’avventura in CHL con una vittoria di carattere

Nella sfida tra eliminati del Gruppo G i biancoblù hanno mostrato la volontà di vincere. Importante la bagarre di Moor, infortunio a un dito per D’Agostini

L’Ambrì chiude l’avventura in CHL con una vittoria di carattere

AMBRÌ – BANSKA BYSTRICA

4-3

(1-0, 1-2, 2-1)

Reti: 3’59 Plastino (Sabolic) 1-0, 22’08 D’Agostini 2-0, 33’07 Biro 2-1, 39’29 Lunter (Gabor) 2-2, 43’11 Stastny 2-3, 52’54 Sabolic (Jelovac, Hofer) 3-3, 57’18 Dal Pian (Gerlach) 4-3

Note: Valascia, 1’537 spettatori. Arbitri Persson, DiPietro; Fuchs, Duarte
Penalità: Ambrì 6×2′ + 1×5′ + 1×20′, Banska Bystrica 5×2′ + 1×5′ + 1×20′

AMBRÌ – L’Ambrì Piotta ha chiuso la sua avventura in CHL ottenendo una vittoria che ha permesso alla squadra biancoblù di evidenziare un certo carattere, risolvendo a proprio favore un match iniziato in maniera un po’ blanda a livello di ritmo da entrambe le squadre, ma poi diventato più ruvido del previsto nella parte finale.

Con qualche colpo proibito di troppo ed una conduzione arbitrale che non sempre ha favorito uno svolgimento “pacifico” della sfida, i biancoblù hanno fatto loro un terzo tempo che li vedeva in svantaggio sino a 8’ dall’ultima sirena, mostrando la volontà di vincere un impegno inutile in termini di qualificazione, ma significativo sul piano del carattere.

Luca Cereda può dunque trarre degli elementi positivi dall’uscita di mercoledì, in cui ha lasciato a riposo alcuni elementi – Fora, Dotti e Fischer in difesa, Flynn in attacco – per dare spazio ai vari Moor, Gerlach oppure Payr, ridisegnando così un lineup concepito per l’occasione.

Positiva in particolare la prova di Misha Moor, schierato con buona frequenza e protagonista nel terzo tempo di una bagarre che ha ridato carica ai biancoblù, che nei minuti successi hanno ribaltato la sfida. Buona anche la prova di Egli, premiato anche come migliore in pista.

Così come il finale, anche l’inizio del match era stato favorevole all’Ambrì Piotta, capace di sbloccare il risultato alla prima occasione in powerplay con Plastino, per poi continuare a farsi preferire nel resto del periodo.

Maggiori iniziative del Banska Bystrica sono invece arrivate nel tempo centrale, questo nonostante i biancoblù siano riusciti ad ottenere il raddoppio grazie a D’Agostini. Il canadese ha intercettato un puck nel terzo avversario e non ci ha pensato due volte ad infilare il 2-0, ma facendolo si è procurato una botta ad un dito che lo ha costretto a rientrare immediatamente negli spogliatoi senza fare più ritorno.

L’attaccante ha rimediato qualche punto di sutura e dovrà sottoporsi alle visite mediche di rito per scongiurare una frattura, nella speranza che il suo rientro possa avvenire al più presto.

Questa è stata l’unica vera nota negativa di una serata che ha visto i leventinesi perdere un po’ il filo del discorso nella porzione centrale della contesa, permettendo agli slovacchi di rientrare nel punteggio già prima della seconda pausa, per poi allungare al 43’11.

Andrej Stastny ha regalato il vantaggio agli ospiti sorprendendo Hrachovina con un air-hook, anche se l’episodio ha sollevato qualche dubbio. Gli arbitri non hanno infatti concesso la rete sul ghiaccio e sono poi andati a visionare il video, ma dalle immagini televisive non sembrava potersi scorgere chiaramente il puck superare la linea di porta. La rete è però stata concessa.

L’ultima decina di minuti si è così trasformata in quella più significativa, con il pareggio di Sabolic e poi la bella azione personale di Dal Pian, a premiare un Ambrì che ha mostrato carattere e voglia di lottare, a prescindere dall’importanza o meno dei punti in palio.

I biancoblù hanno così chiuso con una nota positiva l’avventura in CHL, forse con qualche rammarico per aver lasciato per strada dei punti nelle prime partite del torneo, quando la squadra di Cereda si era espressa su buoni livelli senza però essere premiata.

L’esperienza europea rimane comunque positiva, ed ha lasciato ai biancoblù delle buone sensazioni in vista dei prossimi impegni di campionato e Coppa. Venerdì l’Ambrì sarà di scena a Langnau, mentre domenica si tornerà alla Tissot Arena di Bienne.


GALLERIA FOTOGRAFICA


(Clicca le frecce per scorrere le fotografie)

HIGHLIGHTS

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Ambrì Piotta