Social Media HSHS

Interviste

Vermin: “Ora c’è frustrazione, ma mancano solo dei dettagli per fare un passo in più”

L’attaccante del Ginevra dopo il match contro la Russia: “Non siamo riusciti a sfruttare le nostre chance, ma la partita resta molto positiva. Ci manca un po’ di costanza in fase di finalizzazione”

RIGA – La Russia alla fine ha avuto la meglio, ma la Svizzera è uscita dal ghiaccio con risposte importanti in termini di solidità e maturità, tanto da poter guardare alla seconda parte di Mondiale con confermate ambizioni.

“Abbiamo giocato una buona partita, ma sfortunatamente non siamo riusciti a sfruttare le nostre chance, mentre la Russia lo ha fatto”, ha commentato via Zoom l’attaccante Joël Vermin. “Alla fine è stata semplicemente questa la differenza tra vittoria e sconfitta”.

Vi è mancato davvero poco per vincere, ma per i prossimi impegni ci vorrà maggiore freddezza sotto porta…
“La costanza è un elemento che in alcuni momenti ancora ci manca, ed in questa occasione non siamo andati abbastanza spesso davanti alla porta… Dai nostri difensori sono arrivati diversi tiri, ma non siamo riusciti a disturbare sufficientemente la vista del portiere russo, ed in questo dovremo fare meglio. Dopo una partita del genere non bisogna però pensare troppo, ma continuare semplicemente a giocare, perché alla fine abbiamo avuto un numero sufficienti di chance per segnare. La prova nel suo complesso è molto positiva, ma restano da apportare dei piccoli accorgimenti per fare quel passo in più e raggiungere le nazioni al top”.

Ora come guardate agli ultimi due impegni di qualificazione?
“Sicuramente c’è un po’ di frustrazione. Le due squadre hanno giocato un’ottima partita, il gioco era molto equilibrato e fa male perdere così. Ma gli aspetti positivi sono evidenti, dunque ripartiremo da questi già a partire dall’impegno di domenica”.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment

Altri articoli in Interviste