Social Media HSHS

Ambrì Piotta

L’Ambrì soffre ma batte anche il TPS volando in semifinale

Nel secondo impegno l’Ambrì soffre il gioco del TPS ma è cinico nei momenti giusti. Doppietta per D’Agostini, rete di Flynn in shorthand e shutout per Waeber

L’Ambrì soffre ma batte anche il TPS volando in semifinale

AMBRÌ – TPS

3-0

(0-0, 2-0, 1-0)

Reti: 28’59 Flynn (Douay) 1-0, 35’54 D’Agostini (Flynn, Sabolic) 2-0, 58’42 D’Agostini 3-0

Note: Eisstadion Davos, 6’300 spettatori. Arbitri Lemelin, Wiegand;
Penalità: Ambrì 6×2′, TPS 3×2′ + 1×10′

DAVOS – E l’Ambrì Piotta vola in semifinale di Coppa Spengler. Sì, i biancoblù hanno battuto anche il TPS Turku dopo aver regolato il Salavat nella prima giornata e guadagnano quindi il primo posto del gruppo Torriani.

Se contro i russi l’Ambrì ha dovuto far fronte a una squadra all’apparenza poco motivata ma sempre di un certo tasso tecnico, contro i finlandesi la storia è andata al contrario, dovendo soffrire non poco per battere un TPS ultimo della classifica di Liiga ma disposto a lottare duramente in questo torneo, avendolo già dimostrato anche Filppula e compagni sempre contro la squadra della KHL.

Che fosse un incontro difficile per i ragazzi di Cereda lo si è capito sin dalle battute iniziali, con il TPS deciso nel suo forecheck, molto solido in zona neutra e capace di prendere ritmo e spazio con un cycling molto efficace.

L’Ambrì qualche occasione l’ha avuta nel primo periodo – in particolare i shorthand sull’asse DouayFlynn – ma a controllare il gioco sono stati gli avversari, capaci di tirare verso Waeber ben 18 volte contro le 5 parate che ha dovuto compiere Pohjanoksa.

Quando nel secondo periodo l’Ambrì Piotta si è trovato in inferiorità numerica in un momento di spinta avversario si pensava che il TPS potesse dare la spinta al suo momentum per indirizzare la partita a suo favore (e sarebbe stato con merito, va detto).

Invece succede che la coppia DouayFlynn, che già ci aveva provato nel primo tempo, va a confezionare l’inaspettato vantaggio biancoblù in shorthand, con un bel backhand sotto l’asta dell’americano, tipico marchio di fabbrica del numero 10.

Il Turku quel gol lo ha sentito e anche i finlandesi hanno cominciato a pasticciare un po’ di più lasciando altri spazi in contropiede per i leventinesi, ma anche Waeber non è mai stato disoccupato.

Pochi minuti più tardi però è stato D’Agostini a uscire vincente una delle poche volte per l’Ambrì nei tanti duelli alle assi dietro alla porta (tanto si è giocato anche negli angoli, rendendo poco fluida la partita) e con furbizia e potenza ha tagliato le gambe degli avversari portando i suoi sul 2-0, invero un risultato molto pesante per il lavoro messo in pista dalla squadra di Marko Virtanen, alla quale però aldilà di Filppula e Pajuniemi mancano i “tenori” per fare la differenza nei momenti giusti, quei giocatori che l’Ambrì ha in D’Agostini e Flynn, classe ed esperienza.

Non è cambiata la storia nel terzo periodo, con il Turku a giocare maggiormente il disco ma venendo spesso spinto ai lati dalla difesa leventinese, anche se un paio di pali hanno cantato pericolosamente a fianco dell’ottimo Flynn.

La padronanza del gioco finlandese si è trasformato via via in uno sterile possesso del disco senza quasi mai trovare pertugi che potessero creare occasioni veramente pericolose, e anche senza portiere il Turku ha dovuto soccombere e D’Agostini, autore anche del 3-0 a porta vuota.

In attesa dell’avversario che affronterà in semifinale, l’Ambrì Piotta può godersi meritatamente la domenica libera.


GALLERIA FOTOGRAFICA


(Clicca le frecce per scorrere le fotografie)

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Partner

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Ambrì Piotta