Social Media HSHS

Mondiali 2023

Kubalik accende la Cechia, la Svezia non trova ostacoli contro l’Ungheria

Nell’impegno pomeridiano all’Arena di Riga una tripletta dell’ex biancoblù trascina la Cechia nella rimonta sulla Slovenia. A Tampere la Svezia non ha nessuna pietà dell’Ungheria di Constantine

TAMPERE/RIGA – Ci ha messo poco la Svezia ad imporre la sua volontà contro la povera Ungheria, con i gialloblù capaci di andare sul 2-0 in proprio favore dopo soli cinque minuti di gioco grazie a Lindberg e De la Rose, con quest’ultimo a segno in shorthand.

La rete del 2-1 di Kiss non ha cambiato alcuna coordinata della partita, dato che Everberg prima della pausa ha allungato sul 3-1 e nel periodo centrale i ragazzi di Constantine sono letteralmente crollati, subendo quattro reti in fila con Pettersson, Berggren e ancora il friborghese De la Rose per il 6-1 con cui si sono chiusi i primi quaranta minuti.

Terzo periodo di pura gestione per la Svezia che ha ulteriormente allungato nel finale con il 7-1 di Raymond e che è andata vicino in diversi occasioni a battere per l’ennesima volta il portiere magiaro. Con questo largo successo la selezione di Hallam si porta al secondo posto del gruppo A superando la Danimarca, mentre per l’Ungheria non cambia molto il discorso in ottica salvezza, la squadra di Constantine rimane davanti all’Austria e alla Germania.

Molto meno scontato di quello che si poteva pensare invece l’incontro tra Cechia e Slovenia, con Cervenka e compagni capaci di avere la meglio sugli avversari praticamente solo nel terzo periodo. Scontratisi con una difesa molto arcigna e un po’ di confusione nella loro manovra, i cechi sono andati sorprendentemente sotto di due reti nel primo periodo, prima per una sfortunata autorete di Knot, poi con un tiro di Urbas in power play.

La reazione è stata lanciata dal 1-2 di Kubalik in superiorità numerica sul finire di secondo periodo, poi lo stesso attaccante numero 18 ha pareggiato i conti in entrata di terzo tempo e una splendida deviazione di Cervenka al 43′ si è rivelata il game winning goal.

Da lì lo slancio per la formazione ceca è arrivato in maniera definitiva, con il 4-2 di Kempny e ancora con Kubalik a porta vuota per il 5-2, fino al 6-2 definitivo di Flek da posizione impossibile. La Cechia supera provvisoriamente la Svizzera al secondo posto del Gruppo B, mentre la Slovenia rimane ferma sul fondo con zero punti e diventa la candidata principale alla relegazione.

Click to comment

Altri articoli in Mondiali 2023