Social Media HSHS

Roller

Un Roller Club Biasca dai due volti viene sconfitto nella sfida di Monza

MONZA – La quarta sfida di Eurolega, nella quale i ticinesi hanno affrontato il Monza, ha mostrato le due anime del Biasca di questa stagione. N

ella prima frazione infatti i ragazzi di Orlandi non sono praticamente mai riusciti a entrare in partita, mentre sull’altro fronte i brianzoli hanno colpito a scadenze regolari e con relativa facilità non trovando particolari resistenze. A metà del primo tempo il punteggio era già di 3-0 con il Biasca resosi pericoloso unicamente in occasione del gol annullato a Scanavin, immediatamente dopo il provvisorio 2-0.

Il primo tempo chiusosi con un’inequivocabile 5-0 lasciava quindi temere il peggio per il prosieguo del match.

Come dicevamo il Biasca ha però due volti e spesso sembra lottare con se stesso per riuscire a esprimersi.

Infatti nella seconda parte di gara va in scena un’altra sfida. Certo, si potrà obiettare che i padroni di casa, forti dell’ampio margine, abbiano abbassato un po’ il ritmo. Dopo i rigori trasformati da Orlandi e Ruggiero è però tornata a essere partita vera, con il Monza che ha sciupato ben tre rigori e otto minuti di superiorità numerica per chiudere definitivamente la contesa.

Il 5-3, sempre di Orlandi, ha fatto credere in una rimonta che avrebbe avuto il sapore storico, prima della sesta rete dei padroni di casa.

Gli ultimi minuti della partita hanno visto esordire tra i pali, Michele Büchler (classe 67!), con compagni di squadra e i tifosi esultanti a ogni sua parata, come se si trattasse di un gol, il Roller Biasca è anche questo. La rete di Rodoni negli ultimi secondi di partita ha fissato il punteggio sul 6-4.

Questa sconfitta porta con sé due certezze per i biaschesi: giocando come nel primo tempo, ben difficilmente si riuscirà a raggiungere il 4° posto sinonimo di playoff. Questa squadra ha però tutte le carte in regola per inanellare una serie di vittorie che le garantirebbero l’accesso alla lotta per il titolo. Quanto fatto nel secondo tempo ne è la prova.

Sabato alle 17 contro l’Uri andrà in scena il primo di una serie di “spareggi” che stabiliranno quale dei due volti mostrati è quello più realistico.

A cura di Marco Maggini

Click to comment
Pubblicità

Partner

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Roller