Social Media HSHS

Coppa Spengler

Un ordinato KalPa tiene a bada il vivace Trinec e vince 3-1

I finnici si impongono sull’Ocelari loro esordio alla Coppa Spengler grazie anche alla doppietta di Ruuttu. Ai cechi non basta il gol dell’ex losannese Gernat

Un ordinato KalPa tiene a bada il vivace Trinec e vince 3-1

KALPA KUOPIO – OCELARI TRINEC

3-1

(1-0, 1-1, 1-0)

Reti: 12’06 Ruutu (Rissanen, Texier) 1-0, 32’26 Gernat (Bukarts) 1-1, 33’19 Texier 2-1, 40’32 Ruutu 3-1

Note: Vaillant Arena, 5’141 spettatori
Penalità: KalPa 4×2′, Trinec 6×2′

DAVOS – KalPa Kuopio e Ocelari Trinec per la prima volta di fronte e per la prima volta alla Coppa Spengler. Quella tra i finlandesi e i cechi era una sfida poco quotata tra gli interessi dei tifosi ma, se il Trinec lo abbiamo conosciuto sorprendendoci in bene nella sfida d’esordio, anche il KalPa ha dimostrato di poter proporre un ottimo hockey.

Una prima fase di studio tra le due squadre nei minuti iniziali, poi entrambe le compagini hanno cominciato a sfidarsi a viso aperto e per un certo periodo di tempo la partita ha assunto connotati molto vivaci.

Un contropiede dietro l’altro, velocità d’esecuzione e di pattinaggio, insomma le due squadre hanno parlato la stessa lingua, con il Kuopio capace di sfruttare un’occasione per portarsi in vantaggio con Ruutu.

Sull’altro fronte vi è da segnalare, oltre alle consuete occasioni sbagliate dall’Ocelari nei vari breakaways, un big save di Godla assolutamente da rivedere su un due contro uno dei cechi.

Equilibrio nel gioco mantenuto anche nel secondo periodo, anche se più a fasi alterne ma entrambi i portieri hanno avuto il loro bel da fare sulle fiammate degli attaccanti. Non solo attaccanti attivi però, dato che a mettere in parità la sfida – per un attimo – ci ha pensato Martin Gernat, difensore passato anche da Losanna.

Gioia durata un attimo per l’appunto, fino alla dirompente azione personale del francese Texier, il quale ha mostrato tutto il suo talento battendo con potenza e classe Danecek per il 2-1 del KalPa al 33’19, nemmeno un minuto dopo il pareggio.

I cechi non sono rimasti a guardare, alzando il forecheck per approfittare degli errori del KalPa, ma la cronica incapacità di tramutare in rete i contropiedi favorevoli da parte del Trinec si è rivelata clamorosa.

E quando nell’hockey certe occasioni vengono sprecate il dazio da pagare c’è sempre. A incassare lo scotto ci ha pensato di nuovo Ruutu al termine di una bella incursione nello slot, capace di battere Danecek con una finta nonostante avesse subito fallo.

Il 3-1 che sapeva di allungo trovato in entrata di terzo periodo ha cambiato la partita, con il KalPa bravo a gestire il risultato e a controllare facendosi comunque vedere in contropiede, mentre l’Ocelari ha cominciato a trovare più difficoltà nel penetrare il territorio finlandese.

Ancora un paio di buoni tentativi di Bukarts e Marcinko, ma l’impianto nordico ha retto, portando così “a casa” i primi punti della Coppa Spengler per la squadra di Sami Kapanen.


GALLERIA FOTOGRAFICA


(Clicca le frecce per scorrere le fotografie)

Redattore, Alessandro Zacchetti si occupa di articoli e interviste relative all’HC Lugano e ai Ticino Rockets, con un occhio verso l’hockey europeo.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Coppa Spengler