Meta
livingsolution
Tipak
FSA
HeShootsHeScoores

Ticino Unihockey battuto ai rigori nell’ultima partita dell’anno

tiuh

SARNEN – Nell’ultimo incontro dell’anno i rossoblù non sono riusciti a vincere malgrado una buona prestazione; il Sarnen si impone tra le mura amiche per 5-4 dopo i rigori.

Ennesimo inizio in salita per i ticinesi che dopo soli quattro minuti di gioco si trovano già in svantaggio a causa di una leggerezza difensiva. Dopo questo primo passo falso i rossoblù tirano i remi in barca e si presentano più solidi nel proprio terzo difensivo, permettendo di mantenere il risultato sul 1-0 fino alla prima sirena.

Bisogna attendere fino all’8 minuto del periodo centrale per vedere la prima rete ticinese, quella del pareggio, siglata dal giovane e scattante Bonetti. Rete che dà fiducia alla formazione di Prato, la quale riesce a crearsi diverse ghiotte occasioni purtroppo non concretizzate. Il match prosegue in modo equilibrato, vedendo nuovamente i padroni di casa portarsi in vantaggio ed esser poi recuperati dallo svedese Gustavsson.

Nei primi istanti dell’ultima frazione di gioco le stelle del Sarnen infilano due pesantissime reti che avrebbero potuto dare inizio ad una escalation di marcature. Fortunatamente, dopo questo episodio, i ticinesi ritrovano solidità difensiva e cercano costantemente di trafiggere la porta avversaria, riuscendoci poi grazie alle conclusioni di Salomonsson e Gustavsson. Dopo aver riportato il tabellino della marcature in parità i rossoblù tentano in tutti i modi di effettuare il sorpasso, ma la fortuna sembra proprio essersi volatilizzata.

Solo dopo i tiri di rigore i padroni di casa posson alzar le braccia al cielo, costringendo così al Ticino Unihockey incassare un’altra sconfitta.

Il campionato per la formazione di Prato riprenderà domenica 5 gennaio 2014, quando all’Arti e Mestieri di Bellinzona giungeranno i sangallesi dello Jona-Uznach Flames.

Andrea Branca

Fondatore ed amministratore, Andrea è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media.