Social Media HSHS

National League

Più freschezza ma anche partenze pesanti, ripetersi sarà dura per il Langnau

L’inizio della stagione 2017/18 di NLA si sta avvicinando a grandi passi, ed anche quest’anno HSHS vi darà una completa panoramica di tutte le 12 squadre che compongono il massimo campionato svizzero.

Giorno dopo giorno troverete sulle nostre pagine commenti e analisi dei vari club, a cui abbiamo aggiunto un nostro pronostico di posizione in classifica al termine della regular season.


LANGNAU TIGERS

La rosa 2017/18

PORTIERI
Damiano Ciaccio, Ivars Punnenovs

DIFENSORI
Yannick Blaser, Samuel Erni, Anthony Huguenin, Ville Koistinen (), Federico Lardi, Yves Müller, Flurin Randegger, Philippe Seydoux, Martin Stettler, Miro Zryd

ATTACCANTI
Yannick-Lennart Albrecht, Nils Berger, Pascal Berger, Eero Elo (), Alexei Dostoinov, Antti Erkinjuntti (), Aaron Gagnon (), Roland Gerber, Anton Gustafsson, Lukas Haas, Eric Himelfarb, Raphael Kuonen, Benjamin Neukom, Thomas Nüssli, Emanuel Peter, Stefan Rüegsegger


I Langnau Tigers di Heinz Ehlers si presentano ai cancelletti di partenza con un certo rinnovamento, ma l’anima rimane quella combattiva di una squadra che ha saputo negli anni ritagliarsi una precisa dimensione in LNA, senza voler strafare ma semplicemente (anche se semplice non è) adeguandosi alle capacità tecniche e finanziare, con i passi sempre secondo la lunghezza della gamba.

Con un tecnico come il danese al comando, il Langnau è diventato squadra forse meno “focosa” e arrembante alla “o la va o la spacca”, ma si è trasformata in una macchina efficiente alla Ilfis (tante le vittime illustri nell’Emmental) e con l’intelligenza necessaria per racimolare punti fondamentali in giro per la Svizzera grazie a un impianto di gioco rigoroso e nel rispetto dei ruoli di ognuno.

Il campionato scorso è stato quasi entusiasmante praticamente fino alle ultime settimane di regular season, con i tigrotti in corsa per i playoff come mai lo erano stati dalla loro promozione, terminato con una comoda salvezza nonostante l’improvvisa e inaspettata partenza di Chris DiDomenico per la NHL.


ARRIVI
Anton Gustafsson (C, Färjestad)
Eric Himelfarb (C, Turgovia)
Federico Lardi (D, Losanna)
Benjamin Neukom (LW, Friborgo)
Samuel Erni (D, Zugo)
Antti Erkinjutti (LW, RW, Pelicans)
Emanuel Peter (C, Zugo)
Aaron Gagnon (C/RW, Berna)

PARTENZE
Evgeni Chiriaev (C, Ambrì Piotta)
Silvan Wyss (C, Olten)
Chris DiDomenico (C, RW, Ottawa Senators)
Sven Lindemann (LW, RW, Rapperswil)
Matt Lashoff (D, ???)
Claudio Moggi (C, ritiro)
Adrian Gerber (C, ritiro)
Maxim Macenauer (C, LW, ???)

STRANIERI
Ville Koistinen (D )
Eero Elo
(W, )
Antti Erkinjutti (W )
Aaron Gagnon (C/RW )


Con il rafforzamento di alcune squadre che verosimilmente staranno “lì nel mezzo” a lottare per i playoff, per i Tigers sarà forse difficile ripetere una rimonta – anche se rimasta incompiuta – come quella di un anno fa, quando furono favoriti anche dalle crisi di due o tre squadre di più alto cabotaggio, ma l’impressione è che dal mercato estivo Jörg Reber sia riuscito a fare ottimi colpi, uscendo come minimo alla pari nel computo delle partenze e degli arrivi.

Ovviamente la perdita più grave sul lato tecnico per i bernesi è rappresentata da quella di DiDomenico, sostituito da quell’Aaron Gagnon fresco campione con il Berna che aveva mostrato ottime cose come “all rounder” e bei numeri nei suoi trascorsi in Finlandia.

A completare il pacchetto stranieri è arrivato da capitano dei Pelicans lo sconosciuto Erkinjutti, il quale farà compagnia ai confermati connazionali Koistinen ed Elo, quest’ultimo grande intuizione a campionato in corso e rivelatosi scorer micidiale.


Il mercato degli svizzeri ha avuto dei movimenti interessanti, con il ritorno di Anton Gustafsson, desideroso di tornare ai livelli della sua miglior stagione (avvenuta proprio alla Ilfis) ma con l’incognita dettata dall’ultima disastrosa annata, e l’arrivo dell’esperto Peter dallo Zugo, due centri che potranno alzare il livello del ruolo dopo la partenza di Chiriaev e il ritiro di Claudio Moggi.

Da tenere d’occhio anche il difensore Samuel Erni, pure lui in arrivo dalla Bossard Arena, il quale potrà ritagliarsi spazi importanti in un reparto in cerca di qualità e profondità. Interessante infine la mossa di ingaggiare come momentaneo quinto straniero il canadese Eric Himelfarb, in arrivo dal Turgovia, per il semplice motivo che il 34enne centro potrebbe ricevere il passaporto svizzero nei prossimi mesi.

Al tirar delle somme per il Langnau sembra essere cresciuta la qualità tecnica soprattutto al centro, ma con alcune partenze importanti riuscire a ripetere il campionato scorso (soprattutto la parziale rimonta da dicembre in avanti) sarà molto difficile, anche perché molti avversari diretti non sono certo rimasti a guardare.


MIGLIOR INNESTO

Aaron Gagnon: Dopo l’assaggio di LNA con il Berna, il canadese sembra l’uomo perfetto per sostituire Chris DiDomenico. Esperto, in grado di segnare quanto di essere playmaker, capace di giocare all’ala e al centro, il 34enne ha doti di instancabile “motorino” quanto il suo predecessore, ma con più qualità tecnica e senso del gioco.

ADDIO DOLOROSO

Claudio Moggi: Nulla contro DiDomenico, ma il Langnau ha dimostrato di aver raggiunto una certa maturità per fare a meno del suo trascinatore degli ultimi anni. Alla Ilfis però è la parziale fine di un’era, dato che uno dei due gemelli Moggi ha deciso di ritirarsi. Il 35enne era un simbolo per i tifosi e un punto di riferimento nello spogliatoio, quasi una icona dei Tigers.

FATTORE X

I portieri: L’accoppiata CiaccioPunnenovs ha pagato sulla lunga distanza, con un’alternanza intelligente. Un punto debole nel Langnau di Ehlers è però tra i pali, con due portieri buoni ma che da soli raramente fanno la differenza come i “top-goalie”. La squadra è basata anche su equilibri un po’ precari, una loro caduta potrebbe essere fatale per tutti.


La classifica di HSHS

1. __________
2. __________
3. __________
4. _________
5. DAVOS
6. _________
7. _________
8. _________
9. __________
10. _________
11. LANGNAU TIGERS
12. _________

Redattore, Alessandro Zacchetti si occupa in particolar modo della copertura di tutto ciò che ruota attorno all'HC Lugano e alla NLA.

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in National League