Social Media HSHS

NHL

Per ora nessun incontro tra NHL e NHLPA, solamente riunioni interne

NHL VideoCenter

NEW YORK  – È ripartita un’altra giornata all’insegna del lockout NHL a New York, dove la NHLPA si è sinora incontrata solo internamente nell’attesa dell’arrivo e dell’incontro con il mediatore federale Scot Beckenbaugh. Quest’ultimo incontrerà in queste ore le due parti separatamente, nella speranza che si possa fissare ancora oggi un incontro per limare ulteriori dettagli del nuovo CBA. Attualmente, però, non è previsto alcun incontro tra lega e giocatori.

La NHLPA ha confermato che nella Grande Mela sono oggi presenti i giocatori Chris Campoli, Mathieu Darche, Shane Doan, Andrew Ference, Ron Hainsey, Jamal Mayers, George Parros, e Kevin Westgarth.

Ricapitolando la situazione, stando a quanto riportato dall’analista di TSN, Pierre LeBrun, NHL e PA hanno compiuto progressi significativi nei seguenti punti nella passate giornate:

  • La NHLPA ha accettato una lunghezza di 10 anni per il prossimo CBA, dicendo così sì a quanto chiesto dalla NHL
  • La NHL ha accettato al richiesta dell’unione dei giocatori ad alzare a due il limite di buyout per squadra.
  • La NHL ha alzato la sua normativa in merito alla variazione salariale del 30%

Nonostante questo, però, secondo quanto riportato dai media d’oltre oceano, rimangono ancora sette o otto punti che ancora devono essere sistemati. I tre più importanti rimangono: il limite del salary cap a partire dal secondo anno, la lunghezza dei contratti e tutto ciò che ruota attorno al piano pensione del giocatori.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

Partner

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in NHL