Social Media HSHS

Coppa Svizzera

Nessun problema per il Lugano, Arosa battuto con un secco 7-0

I bianconeri, rimescolati per la Coppa e con alcuni titolari a riposo, mostrano concentrazione e disciplina. Shutout per Müller, in rete Spooner e Ohtamaa

© Berend Stettler

Nessun problema per il Lugano, Arosa battuto con un secco 7-0

AROSA – LUGANO

0-7

(0-3, 0-2, 0-2)

Reti: 2’14 Jörg (Zangger) 0-1, 13’07 Sannitz (Bertaggia, Loeffel) 0-2, 19’05 Zangger (Walker, Loeffel) 0-3, 31’50 Ohtamaa (Bertaggia) 0-4, 35’25 Spooner 0-5, 41’14 Loeffel (Spooner, Fazzini) 0-6, 46’39 Suri 0-7

Note: Arosa, 1’701 spettatori. Arbitri Urban, Potocan; Cattaneo, Ambrosetti
Penalità: Arosa 4×2′, Lugano 3×2′

AROSA – Come ultimo warm-up prima del debutto in campionato, la Coppa Svizzera ha riservato al Lugano la sfida ricca di ricordi d’altri tempi in quel di Arosa per i 1/16 di finale della competizione.

In questo contesto Sami Kapanen ne ha approfittato per lasciare a riposo in vista della partita contro il Losanna i vari Lajunen, Vauclair, Romanenghi e Zurkirchen, dando spazio in particolare a Haussener, Walker e a Müller in porta. Diversi i rimescolamenti soprattutto per quel che riguarda il fronte offensivo, mentre in retrovia si è rivisto Wellinger dopo aver saltato le ultime due amichevoli.

Per ciò che riguarda l’incontro, dopo un primo tempo logicamente caratterizzato anche dall’entusiasmo della squadra di Haueter, i bianconeri hanno preso in mano il completo controllo del gioco a partire dal secondo tempo.

Chiusi i primi venti minuti in avanti per 3-0 grazie ai gol di Jörg, SannitzZangger (in shorthand), più delle reti nel periodo centrale il Lugano ha mostrato il controllo completo della situazione. Cadute altre due segnature grazie a Ohtamaa e Spooner, i ragazzi di Kapanen sono andati alla seconda sirena su un comodo 5-0 contro i grigionesi senza praticamente mai correre pericoli rilevanti, senza oltretutto dover forzare troppo il ritmo.

Situazione che è andata avanti anche nel terzo periodo, con i bianconeri a sfruttare le situazioni di power play per allungare con Loeffel e Suri sul 7-0 sui gialloblù, con Müller spesso spettatore non pagante nel suo terzo, non fosse stato per un’incursione di Pfranger attorno al 50′, ben rintuzzata dal portiere austriaco.

Tutto sommato i bianconeri hanno dato una buona prova di concentrazione e disciplina, pur senza forzare troppo sul piano fisico o del ritmo. Con il controllo della partita dall’inizio alla fine, il Lugano ha corso solo un paio di rischi seri su tutto l’arco dell’incontro, proteggendo bene Müller dagli attacchi dei padroni di casa.

In evidenza i vari Zangger, Sannitz e Ohtamaa, tanto lavoro anche per Lammer e Bertaggia, in crescita di confidenza con le misure anche Spooner, infine lo shutout di Müller vale pur sempre come ottima iniezione di fiducia.

Per Kapanen buoni segnali sul piano della mentalità in vista dell’esordio in campionato di venerdì contro il Losanna, una vittoria larga pur contro un avversario di due categorie inferiore può sempre conciliare il sonno per le prossime due notti.

Redattore, Alessandro Zacchetti si occupa di articoli e interviste relative all’HC Lugano e ai Ticino Rockets, con un occhio verso l’hockey europeo.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Coppa Svizzera