Social Media HSHS

Inline

Nell’inline la Nazionale svizzera conquista l’Europa e si riconferma campione!

COPENHAGEN – Grazie ad un fine settimana quasi perfetto, la Nazionale svizzera è riuscita a bissare l’impresa dell’anno scorso e riconfermarsi sul tetto d’Europa, battendo in finale l’eterno rivale, la Germania.

Una Svizzera in formato rullo compressore ha esordito, malmenando l’Ucraina con un pesantissimo 17-0, questione di riscaldarsi in vista del big match di qualificazione contro la Germania.

Il perfetto equilibrio delle due giganti dell’inline europeo si è riflesso anche nel punteggio di 5-5. Sabato, la Svizzera ha avuto gioco facile contro Gran Bretagna, Danimarca e Austria, migliorandosi continuamente e affinando gli automatismi.

Meritatissimo dunque il primo posto in classifica nella fase di qualificazione, sinonimo di semifinale contro l’Austria, la vera sorpresa degli Europei. Grazie ad un portiere stellare e una difesa ben organizzata, gli austriaci sono riusciti a contenere le velleità offensive degli elvetici. Alla fine però ha prevalso il maggior tasso tecnico, l’esperienza e la velocità degli Svizzeri che sono volati in finale sul 6-3.

Nella finalissima, Marcel Müller e compagni sono partiti forte, spingendo sull’acceleratore sin dalle prime battute e portandosi sul 4 a 0 al 20esimo minuto. A quel punto la Germania ha tirato fuori gli artigli, mostrandosi vieppiù pericolosa.

Con sangue freddo e una buona dose di cinismo, ad ogni rete dei tedeschi ne seguiva una degli elvetici, che sono così riusciti a mantenere a distanza di sicurezza gli avversari. Concentrati e uniti, gli svizzeri hanno gestito il cronometro, che inesorabile scandiva un imminente trionfo, confermatosi alla sirena finale, quando il tabellone elettronico ufficializzava: Svizzera 8, Germania 5.

Dopo la vittoria nel 2018, grandissima festa per questo back-to-back storico e inedito. Grande merito va agli allenatori Patrick Sprecher e Fabrice Eisenring, che hanno creato una squadra bilanciata, forte e affiatata.

“Eravamo i favoriti”, ci spiega il ticinese Marcel Müller, al suo terzo titolo europeo “con un gran gruppo e un’ottima attitudine di umiltà e sacrificio”. Parole confermate anche dall’altro giocatore del Sayaluca, Andrea Bersier, già presente l’anno scorso: “Un bel gruppo e una grandissima squadra”.

Una favola, questa vittoria, soprattutto per Christian Didier, l’attaccante del Malcantone, che non solo ha alzato la coppa ma ha anche terminato la sua avventura europea quale miglior marcatore svizzero e quinto in Europa, con 7 gol e 4 assist in 7 partite.

“Ha vinto il lavoro di squadra, ognuno ha accettato il proprio ruolo e nessuno ha fatto la star, mettendosi a disposizione degli altri”, ci spiega Didier, sempre modesto e con i piedi per terra.

In Svizzera, niente da fare per gli juniores del Sayaluca, che si sono inclinati anche in gara 2 delle semifinali di playoff contro il Rossemaison. Partiti presto in svantaggio, i ragazzi di Andrea Giovetto si sono trovati sotto per 6-0 a metà gara. A nulla è valso il generoso tentativo di rimonta del terzo tempo, che ha abbellito il punteggio sull’8-3 finale in favore dei giurassiani.

Simon Majek è giornalista e traduttore freelance. Su HSHS si occupa di mantenere aggiornata settimanalmente la sezione dedicata all'inline hockey.

Click to comment
Pubblicità

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Inline