Social Media HSHS

Roller

Nel roller il Biasca avanza nervosamente verso i playoff

Lo scorso fine settimana ha fornito qualche certezza e insinuato qualche dubbio nel campionato svizzero di hockey su pista. Le certezze riguardano gli accoppiamenti per i playoff, che quest’anno vedranno affrontarsi le prime quattro in semifinali al meglio delle tre partite: Diessbach, Biasca, Montreux e Dornbirn.

Se per i romandi e gli austriaci la regular season è già terminata, per la compagine bernese e i ticinesi restano ancora due partite da giocare nel prossimo weekend (stranezze del calendario…).

Venerdì il big match alla testa della classifica vedrà la capolista Diessbach di scena al Palaroller alle 20:30, mentre sabato dopo l’entrata in materia fornita dalla sfida di LNC tra Biasca e Uttigen, vi sarà alle 17:00 la partita di LNA con le stesse compagini.

Per conquistare la testa della classifica il Biasca (ora a -5 dal Diessbach) deve vincere entrambe le partite e sperare nella doppia sconfitta dell’avversario diretto. In caso contrario, in semifinale andrebbe in scena la riedizione della finale dello scorso anno contro il Montreux, che dopo la vittoria di sabato in campo ticinese, è già sicuro del terzo posto.

Nello specifico il match andato in scena sabato è stato caratterizzato da un inizio favorevole al Biasca, che al secondo minuto di gioco è passato in vantaggio con una rete di capitan Ruggiero.

Dopo alcuni minuti giocati a buon ritmo da entrambe le compagini, il Montreux è riuscito a ribaltare il risultato con Armero (per un rigore concesso per fallo probabilmente fuori area) e Soler (con un appoggio dalla lunga distanza che ha sorpreso Figueiredo).

Orlandi ha cercato di riportare ordine chiamando il time-out, ma è stato ancora il Montreux a segnare con Monney. Una penalità inflitta al portiere romando, Vizio, sembrava poter cambiare la dinamica dell’incontro. Il rigore concesso ha permesso infatti a Orlandi di realizzare una prima volta e di ripetersi quasi allo scadere del tempo, sfruttando un cartellino blu a carico di Soler.

L’inizio del secondo tempo è però ancora di marca romanda con il nuovo vantaggio siglato da Ferreira, prima del bel pareggio siglato da Gregorio Boll. Le occasioni si susseguono e la bravura dei portieri in campo da entrambe le parti e qualche palo, mantengono il risultato sulla parità fino all’inspiegabile espulsione nei confronti di Cleto Rè dopo un “alza-schiaccia” e un conseguente presunto colpo di bastone ravvisato dall’arbitro.

Questa punizione gira la dinamica della partita e porta il Montreux a segnare due volte con Soler e Ferreira nel finale per il definitivo 4 a 6. I lemanici hanno infatti saputo sfruttare al meglio le proprie doti tecniche e il proprio mestiere, facendo aumentare il nervosismo della compagine di Orlandi, influenzato anche da una conduzione di gara poco felice della coppia arbitrale.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Roller