Social Media HSHS

Nazionale

Nazionale tra alti e bassi ma con personalità, Germania battuta 4-3 all’overtime

A decidere la sfida il gol ad un solo secondo dal termine del supplementare di Pius Suter, alla terza rete in due match! In gol in maniera determinante anche Fazzini, buona prova tra gli altri di Noah Rod e Tyler Moy

© Fabien Perissinotto

KREFELD – Tra gli alti e bassi che contraddistinguono comprensibilmente il gioco di questa giovane Nazionale svizzera, i ragazzi agli ordini di Patrick Fischer hanno ottenuto la seconda vittoria alla Deutschland Cup di Krefeld, battendo per 4-3 all’overtime i padroni di casa.

Per i rossocrociati quella di sabato pomeriggio è stata una sfida che ha visto la squadra trovare l’intensità solamente a tratti, con diversi ribaltamenti di fronte soprattutto nella seconda metà. La Svizzera – confrontata con una selezione tedesca più matura – ha però anche mostrato una certa personalità, a partire da elementi come capitan Noah Rod oppure Tyler Moy che hanno mostrato la via nelle prime porzioni di gara.

Piuttosto timido il primo tempo, con la Germania subito avanti alla prima occasione di powerplay con Fredrik Tiffels, che ha battuto van Pottelberghe – subentrato nell’occasione a Nyffeler – da media distanza. Gli elvetici dal canto loro hanno trovato il primo tiro solamente dopo cinque minuti ma, nonostante un mordente in forecheck crescente, di vere occasioni da rete praticamente non ne sono arrivate.

Di un’altra pasta invece la Svizzera del periodo centrale, immediatamente pericolosa con Prassl e poi capace di pareggiare grazie a Rod, che ha concretizzato un’azione che aveva visto i tentativi prevedenti di Bader e Fazzini. Lo stesso bianconero ha poi sfiorato il vantaggio poco dopo, ma per il 2-1 rossocrociato si è dovuto attendere l’inizio del periodo centrale, quando Pius Suter ha firmato una bella deviazione su tiro di Dominik Egli.

A questo punto il match si è aperto, con vari cambiamenti di fronte che hanno portato la Germania a ribaltare il risultato. In quel frangente la Svizzera è stata punita per aver mancato alcune interessanti opportunità per allungare sul 3-1, in particolare con il giovane Ken Jäger (subentrato a Luca Hischier) e con il biancoblù Marco Müller.

Come detto però la selezione di Fischer ha compensato qualche momento di vuoto con una buona personalità – ottimo segnale, vista anche l’età media della rosa – e grazie a Fazzini si è arrivati sul 3-3. L’attaccante del Lugano ha ben dialogato con Fuchs, insaccando con un tocco imparabile per Niklas Trutle.

Il match si è poi confermato vivace anche nell’overtime, risolto da una bella progressione in velocità di Pius Suter, che ad un solo secondo dallo scadere ha regalato la vittoria alla Svizzera, trovando anche il terzo gol personale in due partite!

Il prossimo appuntamento, l’ultimo della Deutschland Cup, è ora fissato per domenica mattina alle 11:00, quando la Svizzera affronterà la Russia.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Nazionale