Social Media HSHS

Ambrì Piotta

Mazzolini: “Sto dando tutto per sfruttare questa opportunità, voglio restare ad Ambrì”

Il giovane è una nuova dimostrazione dell’importanza del progetto Rockets: “Senza il Biasca non sarei qui. Ringrazio anche la ditta per cui lavoro, che fa dei sacrifici per darmi questa opportunità”

AMBRÌ – Dall’ottima prestazione contro il Ginevra Servette, alla vittoria sfiorata contro il Berna. Gli impegni di Ticino Rockets e Ambrì Piotta in Coppa Svizzera hanno avuto il comune denominatore di evidenziare la grande importanza del lavoro che si sta svolgendo a Biasca, e se da una parte si è data l’opportunità ad un giocatore come Lhotak di riprendere fiducia, dall’altra è stato Elia Mazzolini ad avere la chance di mostrare il suo valore con i biancoblù.

“Sono sicuro che se non ci fosse stato il Biasca, ora non sarei qui”, ci spiega a fine partita Mazzolini. “Quello dei Rockets è un progetto importantissimo per tutti, che dà la chance ai giovani che non riescono a fare il salto dagli Juniori alla NLA di farsi vedere e dimostrare il loro valore”.

Domenica è inoltre arrivato il tuo primo gol in biancoblù, peccato non abbia fatto parte di una vittoria…
“Esatto. Ci siamo resi protagonisti di una buona rimonta, e alla fine ci è forse mancata un po’ di fortuna. Nell’hockey però ogni tanto le cose vanno così, bisogna accettare quanto successo e andare avanti. Sicuramente c’è tanta soddisfazione per la prima rete, ad Ambrì mi è stata data un’opportunità e sto cercando di sfruttarla dando sempre il 100%”.

Ti aspettavi di essere chiamato da Luca Cereda già ad inizio stagione?
“Sicuramente non me lo aspettavo, ed è successo tutto molto in fretta. Lo staff ha però deciso di darmi questa chance, ed ora sto facendo di tutto perché il momento continui. Per me questo è il primo passo e spero di trovare sempre spazio. Quello che voglio è rimanere ad Ambrì e continuare a crescere qui, perché la mia tipologia di gioco è adatta a quella che vuole proporre Cereda. So però che il gol fatto sicuramente non mi assicura un posto, devo continuare a fare bene in allenamento e poi vedere cosa deciderà lo staff… Io sono sempre disponibile e voglio aiutare l’Ambrì, ma per ora non so se giocherò martedì”.

Il tuo è anche un sacrificio, visto che non sei al momento un giocatore professionista….
“Esatto, oltre all’hockey devo ancora lavorare. È chiaramente un po’ difficile unire le due cose, i tempi sono tirati e si ha poco tempo per riposare, ma questi sono due aspetti che fanno parte della mia vita. Ringrazio anzi la mia ditta che mi dà questa grande opportunità, è importante sottolineare che anche da parte loro ci sono dei sacrifici e sono molto riconoscente per questo”.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment

Altri articoli in Ambrì Piotta