Social Media HSHS

Interviste

Mantegazza: “Vogliamo curare ogni minimo dettaglio, sul ghiaccio ma anche fuori”

Il club bianconero negli ultimi anni ha fatto importanti passi avanti nell’organizzazione societaria: “Abbiamo fatto ordine a tutti i livelli e formato un team molto competente”

SORENGO – Il Lugano guarda al futuro con positività e ambizioni, conscio però che per avere successo è necessario fare di tutto per restare al passo giorno dopo giorno con un mondo dell’hockey sempre più orientato al business. È questa la direzione presa del club bianconero, che si conferma però attrattivo e pronto ad accogliere alla Resega ogni tipo di pubblico, tant’è che appare raggiungibile – quest’anno più che mai – il traguardo dei 5’000 abbonati.

Per rivivere il clima delle serate migliori non bisognerà attendere molto a Lugano, visto che tra qualche giorno andrà finalmente in scena un attesissimo derby, che darà il via ad un campionato che per i bianconeri si preannuncia intrigante.

“A dire il vero non so quanto questo sia un bene – ci spiega la presidente Vicky Mantegazzaperché le sfide cantonali sono quelle che vanno vissute appieno, ed è difficile prevedere se saremo effettivamente già pronti… La prima partita è sempre un po’ speciale, speriamo di avere una Resega con già tanto pubblico, perché malgrado il caldo per l’hockey è tempo di cominciare”.

Vicky Mantegazza, purtroppo il finale di preparazione è stato caratterizzato dall’infortunio di Damien Brunner…
“Mi dispiace davvero molto per lui. Ha passato un’estate lavorando molto duramente e nelle partite di allenamento – lo abbiamo visto tutti – era probabilmente il giocatore più in forma della squadra… Aveva ritrovato la fiducia e la tranquillità, per noi poteva rappresentare una sorta di nuovo acquisto in vista dell’imminente stagione. Lui è però un ragazzo molto determinato, sono sicura che si rialzerà e tornerà più forte di prima”.

A Greg Ireland è stato rinnovato il contratto e sembra che stia dando un’impronta ben precisa alla squadra…
“Con lui, con tutto lo staff tecnico e con il direttore sportivo abbiamo fissato internamente degli obiettivi. In Greg abbiamo trovato un allenatore molto umile e che sa trasmettere dei valori che nello sport non vanno mai dimenticati”.

Il Lugano sul mercato si è mosso poco ma ha fatto degli acquisti molto mirati, siete soddisfatti?
“Direi di sì. Abbiamo preso dei buoni giocatori, tra cui due stranieri che portano – oltre ad esperienza e leadership – anche centimetri e chili, il che sicuramente non guasta. Pure a livello svizzero ritengo che ci siamo mossi bene, con un innesto di indubbio valore come quello di Luca Cunti, e con Wellinger in difesa”.

Il Lugano sta facendo passi avanti in tutti i settori societari, quello che era mancato in passato per essere al livello dei club di vertice…
“Sì, piano piano abbiamo fatto ordine a tutti i livelli ed ora siamo davvero un team completo, in cui lavorano persone molto competenti. L’obiettivo del club è quello di curare ogni minimo dettaglio, sia sul ghiaccio che fuori, e questo sicuramente ci aiuta a crescere. Siamo molto soddisfatti anche dei risultati ottenuti nella campagna abbonamenti, siamo sulla soglia dei 5’000 abbonati e, pur non essendo il Berna, per il Ticino sono veramente numeri importanti”.

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Interviste