L’Ambrì torna subito alla vittoria superando il Rapperswil per 6-4

PARTITA PRESENTATA DA

AMBRÌ – È stata decisamente una bella e divertente serata di hockey quella che hanno vissuto venerdì sera gli oltre 4’600 tifosi biancoblù accorsi alla Valascia, dove l’Ambrì Piotta ha affossato per lunghi tratti il Rapperswil sul piano del gioco ed è così riuscito ad ottenere un’importante vittoria che porta ora la squadra di Pelletier a sette lunghezze in classifica dagli stessi Lakers e dal Davos.

I padroni di casa hanno dimostrato immediatamente di essersi scrollati di dosso la traballante prestazione inscenata martedì nel derby e, sin dal primo minuto, hanno aggredito il Rappi arrivando primi su ogni disco ed evidenziando in generale una maggior fantasia ed efficacia sul fronte offensivo. Il vantaggio per l’Ambrì è così arrivato già all’ottavo minuto, quando uno scatenato Pestoni – appena rientrato dopo una penalità – si è reso protagonista di una grande galoppata conclusasi con un assist perfetto nello slot per Alain Mieville, che non ha esitato ad insaccare.

(A. Branca)

Il secondo dispiacere della serata per David Aebischer – poco convincente su tutto l’arco dell’incontro – è arrivato al 14′, quando l’ottimo lavoro preparatorio di Weber ha permesso ad Elias Bianchi di ottenere il suo primo gol stagionale. I biancoblù sono così andati alla pausa forti di due reti di vantaggio e con la consapevolezza di poter arginare il gioco degli avversari, più inclini a sfruttare le iniziative personali della superstar Jason Spezza piuttosto che ad imbastire uno sforzo offensivo corale.

Proprio il giocatore degli Ottawa Senators ha accorciato le distanze al 24′ mettendo alle spalle di Schaefer un disco capitatogli sul bastone in seguito ad un rebound. Da questo momento è iniziato quello che sarà il leitmotiv della serata, con l’Ambrì ad insistere per ritrovare le due reti di scarto, ed il Rapperswil capace ogni volta di accorciare il divario ad una sola segnatura pur non convincendo mai veramente sul piano del gioco.

(A. Branca)

A dare il via a questa sorta di “ping-pong” ci ha pensato alla mezz’ora esatta Marc Reichert che, con una stupenda deviazione sotto porta, ha siglato il 3-1. Il nuovo aggancio sangallese ha visto nuovamente protagonista Spezza, che ha ben dialogato con il compagno Earl. La Valascia è tornata nuovamente ad esultare a pochi attimi dalla seconda sirena, quando Mieville ha ribadito in rete un puck rimasto nello slot ed ha così permesso ai suoi di cominciare il terzo tempo avanti di due segnature.

In apertura di ultimo periodo l’ex bianconero Adrian Wichser ha ridotto nuovamente lo scarto e, complice anche un arbitraggio che ha presentato parecchie palesi lacune, i biancoblù hanno dovuto sudare le proverbiali sette camicie per resistere sino al 60esimo. Marco Pedretti a 9′ dal termine ha messo al sua firma sul 5-3, confermandosi il miglior cecchino della squadra, ma ci è voluto il ritorno al gol di Inti Pestoni per fermare finalmente le speranze di rimonta ospiti e scacciare ogni dubbio, dopo che il Rapperswil aveva nuovamente accorciato sul 5-4 con Sejna.

(A. Branca)

Nonostante la partita si sia trasformata per lunghi tratti in una sorta di ottovolante, i biancoblù hanno sempre dato la sensazione di avere la situazione in pugno e di poter condurre in porto il risultato. Dall’arrivo di Serge Pelletier molte cose sono cambiate, ma ancora una volta l’elemento più importante che evidenzia questo Ambrì è una ritrovata fantasia e piacere nel giocare. Elementi come Mieville stanno finalmente giocando in linea con le loro potenzialità, ed anche giocatori per lunghi tratti poco convincenti in passato – come ad esempio il capitano Duca – sembrano aver trovato nuovamente quell’energia che permette loro di esprimersi su buoni livelli.

Sabato sera l’Ambrì Piotta tornerà immediatamente in pista in quel di Davos, con i grigionesi che sono stati sconfitti venerdì per 4-2 in casa del Berna. Si tratta indubbiamente di un match difficile contro però un avversario che ha soli 7 punti in più in classifica. L’occasione è dunque ghiotta per fare un altro importante passo avanti.


Andrea Branca

Fondatore ed amministratore, Andrea è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media.