Social Media HSHS

Ambrì Piotta

L’Ambrì Piotta non si ferma, il decimo posto ora è un obiettivo

Con la sesta vittoria consecutiva in casa i biancoblù si sono portati a -3 dal Losanna, ma hanno perso per infortunio il centro Marco Müller

L’Ambrì Piotta non si ferma, il decimo posto ora è un obiettivo

AMBRÌ – KLOTEN

3-1

(0-0, 1-1, 2-0)

Reti: 28’22 Abbott (Bäckman, Bozon) 0-1, 36’07 Zwerger (Kubalik, Fora) 1-1, 43’07 Emmerton (Zwerger, D’Agostini) 2-1, 53’22 Guggisberg (Goi, Lauper) 3-1

Note: Valascia, 4’442 spettatori. Arbitri Eichmann, Tscherrig; Abegglen, Fluri
Penalità: Ambrì 7×2′, Kloten 6×2′

AMBRÌ – Martedì sera a Losanna sarà battaglia. L’Ambrì Piotta in questo finale di stagione si sta guadagnando pienamente il diritto di sfidare a viso aperto i vodesi per il decimo posto, grazie ad una serie di vittorie – sei consecutive in casa, e sei successi nelle ultime nove partite – che conferma l’ottimo stato di forma della squadra biancoblù, e che ha portato i ragazzi di Cereda a soli tre punti da Zurkirchen e compagni.

Ora sarà fondamentale tenere i piedi per terra, e gestire nella giusta maniera l’euforia che comprensibilmente deriva dalla prospettiva di andare sabato sera a Malley per un match che vale l’aggancio in classifica.

I leventinesi dovranno inoltre fare i conti con l’importante perdita di Marco Müller, uscito infortunato nel corso del periodo centrale e che ben difficilmente vedremo in pista nel prossimo match. Informazioni precise in merito si avranno solo lunedì, ma vedere il numero 13 uscire dagli spogliatoi in stampelle e con un tutore al ginocchio non lascia presagire un recupero immediato.

Questo sarà uno dei problemi su cui dovrà chinarsi Luca Cereda, che sabato sera ha deciso di spostare Lhotak al centro e portare Mazzolini all’ala della seconda linea, mentre a Lauper è andato il compito di giocare anche in powerplay, esercizio che praticamente mai l’aveva visto chiamato in causa in regular season (20 minuti totali sull’arco di 48 incontri).

Proprio il powerplay è uno dei fattori che va cerchiato in rosso al termine della prova vittoriosa – e a 5 contro 5 sicuramente convincente – contro il Kloten, che specialmente nella prima parte di gara ha frenato i biancoblù. La tendenza è emersa nettamente nel primo tempo, fase dominata per possesso disco dall’Ambrì, ma che ha poi visto i ragazzi di Cereda faticare oltremodo quando si sono ritrovati in superiorità.

I biancoblù hanno così finito per “appiattire” il momentum costruito a parità numerica sul ghiaccio, trovando solamente due tiri puliti verso la porta di Boltshauser su un totale di cinque opportunità di powerplay. Sicuramente troppo poco.

Uno di questi è però stato il fondamentale gol dell’1-1 firmato da uno scatenato Zwerger, che ha ridato stabilità ad una partita che aveva visto il Kloten imporre una maggiore presenza fisica nel periodo centrale, risultata nel gol del vantaggio di Abbott al 28’22.

L’Ambrì ha però saputo reagire bene, ed è tornato a gestire le iniziative di un match apprezzabile dal punto di vista dell’agonismo e dell’intensità, grazie anche ad un Benjamin Conz bravo nell’arginare il Kloten nei momenti più concitati della sfida.

Se da un lato gli aviatori possono far paura grazie a nomi come Praplan, Hollenstein e la vecchia volpe Santala (i tre sono stati riuniti da Schläpfer dopo aver iniziato separati il match), dall’altro i leventinesi si sono nuovamente dimostrati squadra più compatta e completa sull’arco dei 60 minuti.

Il gol di Emmerton su ottima apertura di Zwerger ha spianato la strada verso la vittoria, poi messa in cassaforte dal gol di un bravo Guggisberg, lesto ad approfittare di una situazione confusa davanti a Boltshauser.

Di poco conto invece la reazione del Kloten, che non è andato oltre al far girare il più possibile i propri uomini migliori, senza troppo costrutto. L’Ambrì ha così condotto in porto una vittoria importante, che conferma il buon momento dei ragazzi di Cereda e sottolinea nuovamente i frutti di un lavoro che si porta avanti da mesi.

Resta purtroppo la macchia rappresentata dall’infortunio di Müller, elemento fondamentale per gli equilibri dell’assetto biancoblù e la cui assenza prolungata metterebbe a dura prova le soluzioni alternative al centro.

Questa è però solo una delle tante difficoltà che l’Ambrì Piotta dovrà superare se vorrà arrivare alla salvezza…  D’altronde nessuno hai mai osato sperare che sarebbe stato facile, ed anche martedì sera bisognerà rimboccarsi le maniche, per poi fare i conti all’ultima sirena.


IL PROTAGONISTA

Dominic ZwergerNemmeno il tempo di chiudere una regular season strepitosa ed il giovane austriaco ha immediatamente iniziato alla grande i playout, mettendo la firma su una rete ed un assist fondamentali.

L’ala della prima linea va a punti oramai da nove partite consecutive – e in 12 delle ultime 14 – e con D’Agostini ed Emmerton forma un primo blocco che sta diventando sempre più letale… Il trio è entrato in forma proprio nel momento chiave della stagione, e quando loro sono sul ghiaccio tutto è più facile per l’Ambrì Piotta.


GALLERIA FOTOGRAFICA


(Clicca le frecce per scorrere le fotografie)

HIGHLIGHTS

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Altri articoli in Ambrì Piotta