Social Media HSHS

Ambrì Piotta

L’Ambrì Piotta diverte e vince la prima amichevole per 4-2

garage

ambri
AMBRÌ – VITJAZ’PODOL’SK

4-2

(1-1, 2-0, 1-1)

Reti: 24’47 Kempe (Porseland) 0-1, 24’58 Duca (Moser) 1-1, 28’37 Giroux (Pestoni, O’Byrne) 2-1, 31’26 Giroux (Aucoin) 3-1, 58’18 Berdyukov (Solodukhin) 3-2, 59’47 Pestoni (Kobach) 4-2.

Note: Centro Sportivo Bellinzona, 2’000 spettatori.
Penalità: Ambrì 7×2′, Vitjaz’Podol’sk 10×2′ + 1×10′ + 1×20′

BELLINZONA – L’Ambrì Piotta nella serata di venerdì si è resto protagonista della sua prima amichevole stagionale contro la formazione KHL del Vitjaz’Podol’sk, vinta con il punteggio di 4-2 al termine di una gara ben giocata dai biancoblù soprattutto nella parte centrale della sfida.

Pelletier ha approfittato della prima uscita stagionale per testare immediatamente l’efficacia della prima linea formata da Pestoni, Aucoin e Giroux, con quest’ultimo che ha messo immediatamente a segno una doppietta ed ha già mostrato una buona intesa con il centro numero 29, con cui aveva vinto due Calder Cup in passato nella AHL.

Il coach biancoblù ha poi optato per inserire in formazione anche Ryon Moser (tryout) e Steve Mason, 26enne centro la passata stagione in forza all’Olten (29 partite, 9 punti) e figlio dell’ex allenatore dello Zugo, Doug Mason. In particolare il primo, schierato con Grassi e Lauper, ha mostrato buone cose e sarà interessante vederlo all’opera nelle prossime amichevoli previste a Sursee.

Non sono per contro scesi sul ghiaccio Lüthi, Trunz, Bianchi, Zgraggen, Stucki e Fuchs, con quest’ultimo che di recente ha dovuto sottoporsi ad un piccolo intervento chirurgico e che dunque non è potuto essere schierato.

I biancoblù hanno impiegato un po’ ad ingranare, mentre il Vitjaz’Podol’sk si è avvalso del fatto di essere in una fase più avanzata della preparazione per mettere inizialmente in difficoltà i biancoblù. Ne è così scaturito un primo tempo in cui Zurkirchen ha ritrovato le sensazioni di una partita vera con un paio di interventi non semplici, mentre sul fronte offensivo i leventinesi si sono fatti vivi solamente negli ultimi minuti del tempo.

La situazione è però decisamente cambiata nel periodo centrale, quando l’Ambrì ha cambiato ritmo ed ha messo sotto gli avversari, questo nonostante abbia dovuto incassare il vantaggio ospite al 24’47 per mano di Kempe (in realtà una probabile deviazione nello slot di Chavaillaz). I biancoblù hanno però pareggiato solamente 11’’ più tardi con capitan Duca, che ha siglato il primo gol stagionale con un bel polsino.

Da quel momento in avanti gli uomini di Pelletier hanno saputo controllare il gioco, ottenendo il vantaggio grazie ad una bella azione personale di Giroux, per poi portarsi sul 3-1 grazie ad una combinazione GirouxAucoin carica di promesse in vista dell’immediato futuro. Il match è poi “deragliato” nel terzo tempo, quando le troppe penalità e qualche colpo proibito di troppo hanno sostanzialmente impedito all’Ambrì di continuare a proporre il bell’hockey visto nel tempo centrale.

A meno di due minuti dalla terza sirena Berdyukov ha riportato sotto i suoi, ma Pestoni a porta sguarnita ha messo il sigillo sul 4-2 consegnando ai leventinesi la prima vittoria stagionale.

Durante l’incontro è subito apparsa pregevole la velocità di Aucoin – sia d’esecuzione che di pattinaggio – mentre tra i nuovi arrivati si sono fatti apprezzare Lauper, Dostoinov e Birbaum, immediatamente in grado di portare contributi interessanti al gioco.

Difficile e prematuro invece valutare O’Byrne – in pista con Kobach – che ha cercato di prendere confidenza con i suoi compagni e con i meccanismi in fase arretrata , sia nell’uscita del terzo che in copertura. Nella seconda metà di partita c’è stato spazio anche per la prima apparizione di Flückiger in biancoblù, autore di alcune belle parate.

Naturalmente vi sono stati anche molti automatismi che non hanno funzionato al meglio, ma sicuramente la partita di venerdì ha dato tanti elementi importanti allo staff tecnico per lavorare nel corso della settimana. Lunedì si aggiungerà alla squadra pure Adam Hall, che dovrebbe dare forma ad una seconda linea che per questa prima partita era formata da Steiner, Schlagenhauf e Dostoinov.

Di carne al fuoco ce n’è dunque parecchia. La prossima partita amichevole è ora in programma a Sursee per il 15 agosto, quando l’Ambrì Piotta affronterà la formazione tedesca del Düsseldorf.


Clicca sulle frecce per scorrere le fotografie

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment

Altri articoli in Ambrì Piotta