Social Media HSHS

Ambrì Piotta

L’Ambrì impone al Rappi la sua superiorità, terza vittoria filata

I biancoblù tornano sopra la linea grazie ad una prova convincente dopo qualche errore in entrata. Doppietta di Zwerger ma infortunio a Patrick Incir

L’Ambrì impone al Rappi la sua superiorità, terza vittoria filata

RAPPERSWIL – AMBRÌ

2-5

(1-3, 1-1, 0-1)

Reti: 7’07 Hofer (Kubalik, Guerra) 0-1, 7’59 Jelovac 0-2, 8’38 Schlagenhauf (Wellman, Kristo) 1-2, 15’04 Zwerger (Kubalik) 1-3, 25’56 Knelsen (Gilroy) 2-3, 27’43 Zwerger (Kubalik) 2-4, 43’10 Ngoy (Müller) 2-5

Note: St.Galler Kantonalbank Arena, 5’030 spettatori. Arbitri Stricker, Mollard; Progin, Rebetez
Penalità: Rapperswil 3×2′ + 1×5′ + 1×20 (Gähler), Ambrì 9×2′

RAPPERSWIL – Quella di Rapperswil non era una partita semplice da condurre in porto, sia per le insidie che sempre riserva andare a far visita all’ultima in classifica, sia per una serie di episodi che hanno messo alla prova la capacità dell’Ambrì Piotta di controllare gli avversari e leggere le situazioni di gioco che si sono venute a creare.

La squadra di Cereda ha però nuovamente superato la serie di “test di maturità” che il match contro il Lakers ha presentato sull’arco di 60 minuti divertenti e combattuti, anche se purtroppo macchiati da un infortunio a Patrick Incir – si teme la frattura della mascella dopo intervento alla balaustra di Gähler – e resi complicati da alcune incertezze davanti a Conz.

Questo tipo di errori i leventinesi li hanno però evidenziati sostanzialmente solo nei primi 25 minuti di gara, quando in alcune circostanze le maglie biancoblù si sono aperte un po’ troppo ed hanno permesso ai sangallesi di tenere la testa fuori dall’acqua e restare in gara più a lungo del necessario.

Complessivamente comunque il netto divario tra le due squadre in pista è diventato sempre più evidente, con i Lakers particolarmente imprecisi nell’uscita dal terzo – alcuni errori sono ancora tipici di giocate da serie cadetta – e la squadra di Cereda bravissima nello sfruttare con freddezza ed apparente semplicità le opportunità concesse dagli avversari.

L’Ambrì Piotta è infatti stato particolarmente abile nel rispedire al mittente i tentativi locali di rientrare in partita, come sulle reti di Schlagenhauf e Knelsen, a cui Dominic Zwerger ha risposto con una doppietta evitando che il match prendesse una direzione più complicata.

In una sfida dal buon ritmo nonostante qualche imprecisione qui e là, fondamentale è stata la “sassata” di Michael Ngoy ad inizio terzo tempo, che ha definitivamente ipotecato una partita che l’Ambrì ha saputo controllare per la grande maggioranza del tempo.

Sul fronte biancoblù c’è però stato bisogno anche del sacrificio – ingrediente imprescindibile – come su quel delicato boxplay di quattro minuti nel finale in cui i vari Zwerger e Kostner hanno bloccato alcuni tiri fondamentali, stringendo i denti e lanciando un chiaro messaggio.

Questo Ambrì Piotta il suo messaggio lo sta però mandando forte e chiaro con ogni suo singolo componente, visto che non vi è un solo giocatore che attualmente non sta contribuendo in maniera significativa a questi ottimi risultati.

A differenza del Rapperswil – che per esigenza deve forzare i suoi uomini migliori -, Cereda ha nuovamente distribuito il minutaggio in maniera studiata sui suoi quattro blocchi, e questa sta diventando una caratteristica peculiare di un gruppo che non sembra essere mai andare in riserva.

Il bilancio, quando ci si sta avvicinando alla boa di metà campionato, parla ora di tre vittorie consecutive e cinque successi negli ultimi sei match, che si sono tradotti in un ottavo posto nell’ambito di una classifica cortissima. Discorsi questi che interessano probabilmente più media e tifosi che non lo spogliatoio dei leventinesi, che si sta dimostrando maturo ed in grado di gestire bene le partite chiave in calendario.

La strada è dunque tracciata in vista di sabato sera, quando il test sarà decisamente più probante ed opporrà i leventinesi al Friborgo, prima di un prossimo weekend importantissimo con due derby nel giro di 24 ore. Guai però a guardare troppo avanti, ma certo è che questo Ambrì Piotta diverte sempre di più.


IL PROTAGONISTA

Dominic ZwergerComplice qualche problema fisico durante la preparazione e ad inizio torneo, l’austriaco ci ha messo un po’ ad ingranare veramente la quarta, ma ora il suo livello è tornato ad essere quello che abbiamo imperato a conoscere.

A Rapperswil è stato uno dei migliori in pista, grazie ad una doppietta e soprattutto ad un lavoro costante che gli permette di esaltare il suo ottimo senso della posizione. Con Kubalik oramai si trova alla cieca e vederli giocare è un vero piacere per gli appassionati.


HIGHLIGHTS

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Ambrì Piotta