Social Media HSHS

Ambrì Piotta

L’Ambrì ci riprova, il Lugano vuole la vittoria in trasferta

(A. Branca)

AMBRÌ – Ci aspetta una vera e propria scorpacciata di derby nel mese di novembre, con addirittura tre sfide cantonali tra Ambrì Piotta e Lugano che verranno giocate nel giro delle prossime settimane. Potrebbe di conseguenza essere la volta buona per i biancoblù per ritrovare la vittoria contro i cugini, che manca oramai da un’impressionante serie di 8 partite consecutive. D’altro canto, il Lugano aspetta da 8 incontri di riuscire ad ottenere un successo in trasferta e, considerato un avversario dall’assetto poco consolidato e la voglia di riscatto dei bianconeri dopo la rocambolesca sconfitta contro il Ginevra, gli uomini di Larry Huras vorranno indubbiamente far loro i tre punti per rimanere nelle parti alte della classifica.

I padroni di casa, dopo tre ottime partite con alla transenna Serge Pelletier, saranno chiamati a dimostrare che lo scivolone di Kloten è un episodio destinato a rimanere tale. La carica agonistica e l’alto livello di concentrazione richiesti da una sfida come il derby – elementi che erano mancati contro i Flyers – potrebbero aiutare l’Ambrì nel suo processo di sviluppo ed assestamento al nuovo allenatore che, terminato il weekend, avrà finalmente a disposizione una settimana di pausa per poter lavorare sul serio con la sua nuova squadra.

(A. Branca)

Al cospetto di Serge Pelletier – come ricordato dal bell’articolo di presentazione offerto oggi dal Corriere del Ticino – ci sarà proprio quel Larry Huras che il coach leventinese si è trovato di fronte più e più volte in carriera. I faccia a faccia tra i due sono stati infatti parecchi, sia sulle panchine di Ambrì Piotta e Lugano, sia quando allenavano rispettivamente Friborgo Gotteron e Berna. Nel 2005 Pelletier venne licenziato e sostituito ad Ambrì da Pekka Rautakallio proprio al termine di un derby; questo aggiunge un ulteriore fattore d’interesse ad una sfida che, lo ricordiamo, verrà preceduta anche dalla cerimonia commemorativa in onore di Peter Jaks e dal ritiro della sua maglia numero 19, che verrà appesa sotto la volta della Valascia assieme a quelle di Dale McCourt e Nicola Celio.

(A. Branca)

Sul fronte Lugano potrebbe essere in pista anche una “vecchia volpe” che la Valascia la conosce bene, ovvero Paul Di Pietro. L’impiego del giocatore verrà però valutato da Larry Huras solamente nella giornata di oggi, considerando anche che alcuni giovani come Fazzini hanno fatto molto bene e non si vuole dunque far passare il messaggio che Paul Di Pietro sia arrivato sulle rive del Ceresio per rubare il posto ad altri giocatori. Per il resto l’importante lista di infortunati rimane la solita: Rüfenacht, Domenichelli, Kienzle, Blatter, Brady Murray e Hirschi.

(A. Branca)

Per quanto riguarda l’Ambrì Piotta, invece, è in dubbio la presenza del Top Scorer Jason Williams per il problema agli adduttori rimediato negli ultimi minuti della sfida di Kloten. Stando a quanto affermato da Paolo Imperatori nella trasmissione Fuorigioco, pare che le probabilità di vedere il giocatore in pista siano piuttosto alte, ma la certezza in questo senso si avrà probabilmente solo nel corso della giornata. Torneranno invece sicuramente a disposizione di Pelletier l’attaccante Roman Botta e la riserva Lorenzo Croce. Ancora nulla da fare invece per gli infortunati Höhener e Raffainer, così come per l’ammalato Casserini.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Ambrì Piotta