Social Media HSHS

Inline

La Nazionale svizzera U19 di inline si laurea campione d’Europa!

unnamed

Ci sono voluti ben 7 anni, ma dopo il titolo conquistato nel 2008, la nostra Nazionale è riuscita di nuovo ad issarsi sul tetto d’Europa. Un periodo di magra lunghissimo, dettato dallo strapotere della “Mannschaft” tedesca, ormai abituatasi a stracciare senza faticare qualsiasi avversario. Eppure questo fine settimana a Delnice in Croazia, i tedeschi non hanno fatto i conti con la voglia di riscatto e la grinta dei nostri, che sono arrivati in finale battendo l’Austria di un ottimo David Majek, giocatore dal passaporto austriaco che milita nei Rangers di Lugano.

Davanti ad un pubblico infuocato, in finale gli elvetici hanno disputato una partita praticamente perfetta, riuscendo a chiudere gli spazi in difesa e facendo prova di un notevole cinismo in attacco. Il coach Daniel Ruch ha azzeccato tutte le mosse e così la Nazionale U19 si è trovata sul 5 a 2 ad una manciata di minuti dal termine.

Togliendo il portiere per far spazio ad un giocatore di movimento in più, la Germania ha operato un “Doppelschlag”, che l’ha riportata a -1 ad un minuto dal termine. Ultimo brivido a fiato sospeso, ma per fortuna il capitano dell’U19 Louis Merçais, infilava a porta sguarnita e a 2 secondi dal termine il 6 a 4 liberatorio per la nostra selezione che è riuscita a scrollarsi di dosso un po’ di quel complesso di inferiorità che l’ha sempre vista piegarsi di fronte ai fortissimi teutonici.

Bravissimi i nostri ticinesi, nuovi campioni europei: Nicola Mafferetti, Nick Frisberg, Franco Briccola, Daniel Bernasconi!

Meno fortuna invece per il Sayaluca, che in gara 1 della finale per il titolo di LNA si è fatto beffare dal Bienne Seelanders con la rete decisiva al 79’37. L’avrete capito, in pratica a soli 23 secondi dal termine dei tempi supplementari!

Eppure le cose si erano messe benissimo per gli uomini di Bobo Bernasconi, che sono partiti subito in vantaggio, riuscendo a gestire con un certo agio le incursioni bernesi. Nel periodo conclusivo, sul 4 a 2 per il Sayaluca, i Seelanders hanno sfoggiato tutto il loro potenziale, mettendo in seria difficoltà la difesa ticinese, che è capitolata, subendo la rete del pareggio a meno di 2 minuti dal termine. Nei supplementari il Bienne Seelanders ha continuato a macinare gioco, senza riuscire a trovare il pertugio giusto, se non a pochi secondi dal termine con un tiro improvviso che ha sorpreso un po’ tutti, facendo esplodere di felicità la Mettmoos di Bienne.

Adesso il Sayaluca non ha più diritto all’errore e sabato 31 ottobre alle 17.00 al Palamondo di Cadempino, ospiterà i Seelanders per guadagnarsi con una vittoria una terza e decisiva partita il giorno dopo in quel di Bienne. Ma facciamo un passo alla volta e andiamo a sostenere questo Sayaluca, la miglior squadra maschile del cantone, che insegue il sogno di riportare il titolo di campione Svizzero in Ticino, dopo una latitanza che dura ormai da ben 15 anni!

Bene, anzi benissimo, il Novaggio Twins che con una rosa minuta ma affiatata è ormai ad un passo dalla promozione in LNB. Sabato 24 ottobre sul campo di Novaggio, gli uomini di René Wegmüller hanno dominato l’Oensingen, chiudendo la partita già nel primo periodo, conclusosi sul 4 a 0. Il resto? Una pura formalità per un 8 a 3 finale che lascia ben sperare per la partita di sabato ad Oensingen, che potrebbe essere l’ultima in prima lega per capitan Rodigari e compagni. Non diciamo gatto, naturalmente, ma l’occasione è ghiotta per il nostro cantone di poter di nuovo schierare una squadra in LNB.

Simon Majek è giornalista e traduttore freelance. Su HSHS si occupa di mantenere aggiornata settimanalmente la sezione dedicata all'inline hockey.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Inline