Social Media HSHS

Interviste

Kane: “Bienne è un villaggio simpatico, l’ambiente è bello”

(Bridgetds)

LANGNAU – Tra le tante stelle della NHL approdate alle nostre latitudini in seguito al lockout, troviamo anche l’attaccante dei Chicago Blackhawks, Patrick Kane, attualmente in forza al Bienne in compagnia di Tyler Seguin. Di seguito vi proponiamo una breve intervista al numero 88 degli Hawks inviataci molto gentilmente da un nostro lettore che, essendo un addetto ai lavori, ha avuto occasione di intrattenersi qualche minuto con il giocatore martedì sera, quando il Bienne ha incrociato i bastoni con il Langnau.

Non si finisce mai d’imparare, nemmeno quando in carriera hai segnato la rete decisiva in un overtime che ti ha permesso di vincere la Stanley Cup. Era il 2010 quando Patrick Kane riportava il massimo trofeo hockeistico a Chicago dopo 50 anni. Eppure alla fine della partita contro il Langnau, l’americano era sbigottito: “È la prima volta nella mia carriera che mi capita di tirare 3 rigori nella stessa partita. Non sapevo che in Svizzera c’era questa regola che permetteva dopo il quinto rigore di riproporre un giocatore che aveva già effettuato un tentativo”.

Kane, che ne ha realizzato uno e fallito due, aggiunge: “Ero convinto di avere terminato il mio lavoro dopo la prima esecuzione, quando Schläpfer mi ha fatto segno di rientrare sul ghiaccio e tirare nuovamente. Sinceramente trovo che sia una regola bizzara, preferisco quasi quella in vigore in NHL, dove puoi solamente effettuarne uno”.

(life is good)

Il numero 88, seppure lascia intravedere sprazzi di alta classe, non è ancora al massimo regime, e ciò si nota. “Chiaramente non sono ancora al top e devo abituarmi alla maggiore superficie di ghiaccio”. L’ala, che nella carriera ha pure vinto la medaglia d’argento alle Olimpiadi, è contento della sua esperienza rossocrociata. “Il livello di gioco è buono, l’ambiente è bello e i tifosi fanno sempre un grande fracasso. Bienne è un villaggio simpatico, chiaramente non si può paragonare a Chicago, sono due mondi diversi. Il Lockout? Non voglio esprimermi, qui in Svizzera conta solo il Bienne”.

Il campione con la faccia da bambino, fa capire che è stufo di rispondere alle domande e allora guai a trattenerlo, Patrick Kane è veramente genio e sregolatezza.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Interviste