Social Media HSHS

Interviste

Josi: “È solo una vittoria, nulla più… Ci rimboccheremo le maniche, c’è da lavorare”

Il difensore ha parlato della 100esima partita di Ambühl: “Il suo traguardo ci ha dato energia, è un giocatore che ha fatto tanto per l’hockey svizzero”. Su Fiala: “Ti fa pagare ogni errore, avremo bisogno di lui”

BRATISLAVA – L’avversario non era dei più ostici, ma la Svizzera non ha perso tempo e contro l’Italia ha trovato il debutto che cercava, segnando nove reti senza incassarne alcuna, e riuscendo a mantenere un buon ritmo – e motivazione – per tutta la contesa.

“Abbiamo iniziato piuttosto bene nel primo tempo, e poi abbiamo continuato a giocare nella stessa maniera anche dopo aver segnato diverse reti. Credo che da parte nostra sia stata una prova molto buona”, ci ha spiegato il difensore Roman Josi.

Tra i protagonisti c’è stato il tuo ex compagno a Nashville, Kevin Fiala, che ha debuttato con un hat trick…
“Fiala è sicuramente una parte molto importante della nostra squadra. Sappiamo tutti quali sono le sue qualità, ed appena gli si concede un centimetro di troppo è in grado di farti pagare l’errore… Lo ha dimostrato immediatamente contro l’Italia, avremo bisogno delle sue reti nel corso del torneo e per noi è molto positivo vederlo iniziare in questa maniera”.

La giornata è inoltre stata importante per Ambühl, che ha festeggiato 100 presenze mondiali…
“Vedere Ambühl festeggiare la 100esima partita ad un Mondiale ci ha sicuramente dato dell’energia extra. È un ottimo compagno di squadra e nel corso degli anni ha fatto davvero tantissimo per l’hockey svizzero. A tutto il gruppo ha fatto davvero piacere vederlo tagliare un traguardo del genere”.

Domenica sarà il turno della Lettonia, ora avete una buona base da cui partire…
“Sicuramente, anche se ogni partita è logicamente diversa e domenica l’avversario che affronteremo sarà di un altro tipo. Abbiamo indubbiamente delle cose su cui lavorare, contro la Lettonia vogliamo giocare ancora meglio perché loro sono un’ottima squadra… Tutto ciò che abbiamo ottenuto sinora è solo una vittoria, ci rimboccheremo le maniche”.

Dopo l’argento dell’anno scorso, ci si attende di nuovo un buon Mondiale da parte della Svizzera…
“Siamo decisamente affamati pensando a quanto successo un anno fa. C’è fiducia e siamo consapevoli che questo è un altro torneo, ma sappiamo di poter fare bene. D’altronde in questa competizione nessuna partita è facile, basti pensare che nella prima giornata Canada e Stati Uniti sono state sconfitte. Ora pensiamo alla Lettonia, cercando di confermare quanto di buono fatto nella prima uscita e sistemando alcuni dettagli nel nostro gioco”.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Interviste