Social Media HSHS

Interviste

Ireland: “Non sono soddisfatto ma ho visto tante buone cose, scrivete quello che volete…”

Il coach nervoso dopo la sconfitta nel derby: “La differenza nei primi 15 minuti è loro hanno segnato tre gol, noi nemmeno uno. Abbiamo avuto 30 occasioni da rete, loro nove. Giù il cappello di fronte al portiere dell’Ambrì”

LUGANO – Le tre vittorie consecutive – di cui due in trasferta – ottenute a cavallo tra il vecchio e il nuovo anno, così come un derby giocato in crescendo non hanno evidentemente contribuito ad abbassare la tensione in casa bianconera, ad immagine di un Greg Ireland presentatosi alla stampa nervoso e decisamente poco disponibile.

“La differenza nei primi 15 minuti è che l’Ambrì ha segnato tre gol, noi nemmeno uno”, ha tagliato corto il canadese.

Credi che il Lugano sia entrato in pista poco pronto per contrastare l’energia degli avversari?
“Scrivete quello che volete. I nostri avversari hanno segnato tre gol, noi zero. Se pensate che non fossimo pronti, scrivetelo pure”.

Con il passare dei minuti si sono però viste cose positive…
“Abbiamo perso la partita per 4-3, con i nostri avversari che hanno segnato tre reti nel primo tempo. Abbiamo avuto 30 occasioni da rete, loro nove. Giù il cappello di fronte al portiere dell’Ambrì, ha fatto una partita eccezionale”.

Sabato arriva la difficile trasferta di Ginevra, un altro match in cui sono in palio punti pesanti…
“Abbiamo bisogno di ottenere punti ad ogni partita partita, ma dobbiamo giocare tutta la sfida come abbiamo disputato il derby per 48-49 minuti. Questa è la chiave per noi. Parlerò con la squadra e cercheremo di rifare ciò che abbiamo fatto bene nel derby… A conti fatti l’Ambrì ha potuto contare su grandi parate, questo è stato fondamentale. Noi abbiamo avuto 30 occasioni da rete, ovvero è stata la seconda partita con più scoring chances di tutto il nostro campionato. Credo inoltre che il nostro powerplay sia stato eccezionale, il boxplay ottimo”.

Hai dunque motivi per essere soddisfatto nonostante il risultato finale?
“Non sono mai soddisfatto. Abbiamo perso la partita, ma ho visto tante buone cose”.

Cosa pensi della prova di Klasen?
“Non parlo delle individualità. Tutti vogliono parlare del perché Linus non gioca… Guardiamo ad Ambrì, Manzato alla Spengler ha subito un gol in due partite ma non sta giocando nemmeno lui. Abbiamo cinque buoni stranieri ma non parlerò singolarmente di nessuno di loro. Ci sono anche diversi elementi fondamentali che attualmente sono out, ma non ci siamo mai lamentati delle assenze”.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Interviste