Social Media HSHS

Coppa Spengler

Il Team Canada si ripete vincendo la Spengler, Lugano battuto 5-2

TEAM CANADA – LUGANO

5-2

(1-1, 3-0, 1-1)

Reti: 00’31 Bürgler (Zackrisson) 0-1, 6’03 Genoway (Spaling, Emmerton) 1-1, 20’59 Pouliot (Micflikier, Didomenico) 1-2, 22’59 Emmerton (Spaling, Parlett) 1-3, 37’17 Ebbett (Raymond) 1-4, 44’08 Bürgler (Wisniewski) 2-4, 59’43 Spaling (Ebbett)

Note: Vaillant Arena, 6’300 spettatori (tutto esaurito). Arbitri Wiegand, Vinnerborg; Kaderli, Wüst
Penalità: Team Canada 7×2, Lugano 6×2′

DAVOS – Come nella scorsa edizione, anche nella 90esima Coppa Spengler il Team Canada si aggiudica il trofeo (il 14esimo della sua storia) battendo il Lugano in finale.

Il risultato di 5-2 rispecchia in pieno le forze in campo, dato che il Lugano solo in alcune fasi è stato in grado di fare gioco pari alla compagine nordamericana, più attrezzata tecnicamente e fisicamente.

La rete d’apertura di Bürgler ha dato la spinta iniziale ai bianconeri, ma già col passare dei minuti nel primo periodo i rappresentanti della foglia d’acero hanno preso in mano l’incontro, costringendo Merzlikins a diversi interventi difficili e a subire il pareggio di Chay Genoway.

Già il risultato parziale di 1-1 pareva leggermente stretto ai canadesi, che hanno trovato il vantaggio già in apertura di secondo periodo con Pouliot, ma soprattutto hanno potuto sfruttare gli errori individuali dei bianconeri per allungare il passo in maniera decisiva.

Un gol in shorthand di Emmerton, sfuggito a tutto il passivo blocco del Lugano e il 4-1 di Ebbett dopo un errore grossolano di Wilson hanno di fatto consegnato la finale agli uomini di Richardson, in quanto il Lugano non è sembrato in grado di riavvicinarsi più di tanto.

La partita si è infatti stabilizzata su un possesso quasi generale del disco e di conseguenza del gioco da parte dei canadesi, che non hanno trovato grossissime difficoltà nel contenere la reazione del Lugano, capace solo di qualche contropiede con il secondo blocco.

La vittoria canadese non fa assolutamente una grinza, la differenza tecnica e fisica tra le due squadre la si è vista nella distribuzione delle forze nei blocchi dove, per fare un esempio, il Team Canada può contare su gente come Spaling e Emmerton in quarta linea.

Il Lugano esce di nuovo sconfitto dalla finale di Coppa Spengler, ma lo fa consapevole di aver dato quello che poteva dare, gli errori individuali lo hanno condannato nei momenti che potevano ancora risultare decisivi per recuperare il gap.

Terminata questa edizione del torneo grigionese, il campionato non lascia il tempo di respirare, i bianconeri potranno subito verificare se ci sarà ancora “l’effetto Spengler” che tanto bene aveva fatto un anno fa.

fattore2SUPERIORITÀ GENERALE: Il Team Canada è stata la squadra più completa di questo torneo, e anche in finale ha dimostrato le sue qualità tecniche e fisiche, battendo il Lugano in una partita gestita sul piano del gioco per la sua gran parte.

I bianconeri non hanno ricevuto l’apporto sperato da una spenta prima linea offensiva, con la sola di Zackrisson, Bürgler e Hofmann in grado di fare male quasi a ogni cambio, troppo poco per sperare di battere Emmerton e compagni.

galleria

(Clicca le frecce per scorrere le fotografie)

Redattore, Alessandro Zacchetti si occupa in particolar modo della copertura di tutto ciò che ruota attorno all’HC Lugano e alla NLA.

Click to comment
Pubblicità
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Coppa Spengler