Social Media HSHS

Roller

Il Roller Club Biasca esce alla distanza contro l’Uri, vittoria per 8-3

Guardando il tabellino si potrebbe pensare ad una partita a senso unico ed ampiamente dominata. Niente di più falso, prova ne è che c’è voluta l’appendice dei supplementari per regalare la vittoria ai padroni di casa.

L’incontro comincia bene, con un palo colpito da Orlandi al 4 minuto, ma piano piano l’euforia del Biasca si spegne ed è l’Uri ad avere le occasioni migliori affidandosi a rapide ripartenze ogni volta che la manovra dei ticinesi si inceppa. Davvero troppi i turnover concessi nel primo tempo per sperare di non essere puniti, e così, al terzo contropiede nel giro di un minuto, l’Uri si porta meritatamente in vantaggio.

La reazione dei viola non si fa attendere, ma è il pragmatismo degli ospiti ad avere la meglio. Si arriva quindi alla prima pausa senza che i ragazzi di Orlandi siano riusciti a crearsi delle reali occasioni per pareggiare.

Pronti via e dopo appena 42 secondi dalla ripresa gli ospiti raddoppiano, grazie ad un tiro che si infila beffardamente sotto il corpo di Tatti, gelando il Palaroller. La traversa nega poi all’Uri il terzo gol, che avrebbe forse dato un’altra impronta alla sfida. Trovatisi ad un passo dal tracollo i rivieraschi hanno allora il merito di reagire e, grazie al solito Orlandi, abile ad insaccare una corta respinta del portiere, provano a cambiare l’inerzia del match dimezzando lo scarto.

Un clamoroso errore a centro pista dà poi la classica occasione d’oro agli ospiti per ristabilire le due lunghezze di scarto, ma grazie ad un vero e proprio Tatti Show il punteggio resta invariato fino al 2-2 siglato da Camillo Boll quando, per una legge non scritta dello sport, chi sbaglia paga. Innumerevoli sono infatti le occasioni fallite dagli ospiti, a tu per tu con Tatti, prima del pareggio dei padroni di casa.

Si va così ai supplementari e stavolta è il Biasca a colpire immediatamente, con Rodoni che regala il primo vantaggio della serata ai rivieraschi dopo pochi secondi. L’Uri, che fino a quel momento aveva basato il proprio gioco sulle ripartenze ed il contropiede, è allora costretto a scoprirsi dando il via praticamente ad un’altra partita.

Nei due tempi supplementari di 5 minuti ciascuno arrivano infatti ben 7 reti(!). Capitan Ruggiero sigla con un bel tiro il 4-2 e Tatti impedisce agli ospiti di rientrare nel match fermando un rigore. Rigore che non viene invece sbagliato da Orlandi, il quale firma poi la tripletta personale poco dopo.

Un po’ casualmente arriva poi il 6-3 degli ospiti prima che Scanavin e Gregorio Boll portino il punteggio finale sull’8 a 3. Un roboante risultato quindi, che dà morale ma che, come detto, non deve illudere e deve invece servire da monito per la trasferta di venerdì proprio in terra urana. Il prossimo appuntamento al Palaroller è invece fissato per sabato 10 novembre quando i rivieraschi sfideranno il Thun.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Roller