Social Media HSHS

Lugano

Il Lugano di Serge Pelletier riparte sul ghiaccio, tra nuovi volti e diversi tifosi

Dopo il lungo stop la squadra bianconera si è concessa agli occhi dei tifosi nel primo allenamento stagionale aperto al pubblico. Tra tutti i nuovi volti, qualcuno in prova e un “ospite” era assente il solo Lajunen

LUGANO – Dopo più di cinque mesi la Cornèr Arena è tornata, seppur parzialmente per le norme anti-Covid, ad aprirsi ai tifosi, con i presenti che hanno potuto assistere al consueto allenamento di inizio agosto della squadra targata 2020/21.

Una parvenza di normalità, sempre in mezzo all’incertezza che regna sul futuro della stagione, ma i bianconeri come tutte le altre squadre devono essere pronti alla partenza e prepararsi come d’abitudine.

Motivo d’interesse in più per i tifosi era rappresentato ovviamente dalla presenza dei nuovi ingaggi a disposizione di Serge Pelletier, su tutti Mikkel Boedker e Mark Arcobello, ma erano presenti all’allenamento anche tutti gli altri, Raphael Herburger, Bernd Wolf, Tim Traber ed Aurelien Marti.

Oltre ai nuovi volti in bianconero hanno preso parte alla seduta anche il difensore Eliot Antonietti (con un try-out già programmato da giugno) e il giovane Mason McTavish, che si allena assieme al Lugano in attesa di poter ripartire alla volta della OHL. In pista anche i vari giovani nel giro della prima squadra.

Era per contro assente il solo Lajunen, sempre convalescente dopo l’operazione all’anca a cui si è sottoposto ad inizio estate.

La seduta mattutina agli ordini dello staff è durata circa un paio di ore compresa una partitella finale, con i giocatori intenti soprattutto a riprendere confidenza con il gioco e i compagni in vista dei primi impegni amichevoli, con il tradizionale incontro d’apertura del preseason contro i Ticino Rockets previsto per domenica alla Raiffeisen BiascArena.

GALLERIA FOTOGRAFICA


(Clicca le frecce per scorrere le fotografie)

Redattore, Alessandro Zacchetti si occupa di articoli e interviste relative all’HC Lugano e ai Ticino Rockets, con un occhio verso l’hockey europeo.

Click to comment

Altri articoli in Lugano