Social Media HSHS

National League

I top e flop degli ultimi turni di campionato secondo HSHS

Ogni inizio settimana, per tutto il corso del campionato, HSHS vi proporrà la rubrica dedicata ai “top e flop”, ovvero ai giocatori che secondo noi si sono distinti negli ultimi turni di campionato, così come a coloro da cui ci si aspettava invece qualcosa in più.

Vengono selezionati un portiere, due difensori e tre attaccanti tra chi ha fatto particolarmente bene e chi, invece, ha deluso le aspettative.

Di seguito la selezione basata sui turni di campionato giocati tra venerdì e sabato.


I TOP DI HSHS

top

Marco Bührer (Berna – 1 top, 0 flop): Scaricato dalla società dopo l’annuncio relativo all’ingaggio di Leonardo Genoni, ha risposto alla grande con due prestazioni solide come non si vedeva da tempo. Ha infatti dimostrato grande personalità, professionalità e dedizione alla causa, concedendo solo due gol sull’arco del weekend ed aiutando così il suo Berna ad uscire da una “mini crisi” di quattro sconfitte consecutive. Ha stabilito un’ottima media di parate del 95%.

Alessandro Chiesa (Lugano – 1 top, 0 flop): Dapprima la rete che ha deciso la sfida di Coppa Svizzera a Winterthur (con un assist), poi quella del pareggio a Kloten al 58’, oltre a un altro assist nella sfida contro il Friborgo della Resega. Punti pesanti negli ultimi giorni per il difensore bianconero, ma anche una presenza forte e carismatica in pista, unita al solito lavoro intelligente e muscolare con licenza di qualche incursione offensiva. Oltretutto, con fuori il nuovo compagno di linea Furrer, il numero 27 si è assunto la responsabilità di guidare la difesa bianconera, confermando di essere uno dei leader della squadra.

Marc-André Bergeron (ZSC Lions – 1 top, 0 flop): Piano piano sembra stia tornando sui suoi alti standard di rendimento, contraddistinti da una grande intelligenza tattica e da una visione di gioco che in pochi possono vantare in NLA. A conferma del suo miglioramento, tre assist nella vittoria dei suoi a Zugo sabato sera.

Gregory Hofmann (Lugano – 1 top, 0 flop): L’ex davosiano ha preso per mano il Lugano, e in un momento di appannamento di alcuni leader bianconeri ha mostrato la via, ritrovandosi pure con 5 reti e 3 assist in 9 partite. Il pareggio in extremis a Langnau, il lavoro sul nuovo pareggio di Chiesa a Kloten e soprattutto l’hat trick che ha steso il Friborgo in 10 minuti hanno fatto vedere a tutti la crescita di questo attaccante dal grandissimo potenziale. Per pattinaggio, voglia di far bene e attitudine vincente, in questo momento non ha pari nella rosa bianconera.

Pierre-Marc Bouchard (Zugo – 1 top, 0 flop): In forse fino all’ultimo per la partita alla Valascia, ha mostrato tutto il suo repertorio facendo “ballare la samba” all’impreparata difesa ticinese. Per tutto l’arco della partita si è dimostrato una spina costante nel fianco dei biancoblù, realizzando due reti e fornendo un assist, confermandosi il miglior marcatore dello Zugo con 16 punti in 9 match… E meno male che non era al 100%.

Zach Hamill (Friborgo – 1 top, 0 flop): Prima della partita disputata alla Resega ha ricevuto la notizia che non sarebbe stato confermato a Friborgo, ma la mano che ha dato ai burgundi in questo strepitoso inizio di stagione è stata notevole. A bersaglio due volte anche questo weekend, ha portato il suo bottino personale a sette punti (cinque reti) in nove partite. Il free agent canadese è ora indubbiamente un pezzo pregiato del mercato.


I FLOP DI HSHS

flop

Urban Leimbacher (ZSC Lions – 0 top, 1 flop): Chiamato a sostituire l’infortunato Flüeler, è stato autore fin qui di prestazioni altalenanti. Poco convincente la sua partita giocata questo weekend contro il Servette, arrivato a Zurigo motivato a far risultato. Non aiutato di certo da una difesa nell’occasione approssimativa, ha però almeno due gol sulla coscienza, tant’è che nella sfida di sabato gli è stato preferito Schlegel.

Mikko Mäenpää (Ambrì Piotta – 2 top, 1 flop): Weekend da dimenticare per il difensore finlandese, incapace di dare i soliti impulsi offensivi alla squadra, ma in difficoltà soprattutto nel dare ordine ad un reparto difensivo in cui ha regnato la confusione più totale. Tra passaggi sbagliati e chiusure difensive imprecise, significativo l’episodio nel quale Mäenpää è stato lo sfortunato protagonista a Langnau, dove è franato su Zurkirchen favorendo il rocambolesco gol decisivo dei Tigers.

Ville Koistinen (Langnau – 0 top, 1 flop): Arrivato a Langnau con il chiaro intento di stabilizzare l’assetto difensivo, sta vivendo un inizio di campionato piuttosto complicato. Spesso eccessivamente teso, è il giocatore più penalizzato del campionato (33 minuti) e con il +/- peggiore (-8). Sembra inoltre scegliere sempre i momenti peggiori per rendersi “protagonista”, come quando ha rimediato una penalità per ritardo di gioco pochi secondi dopo l’1-1 segnato dai suoi contro l’Ambrì.

Oliver Kamber (Ambrì Piotta – 0 top, 1 flop): L’ex Bienne si sta rendendo protagonista di un inizio di stagione piuttosto difficoltoso, sfociato sinora in soli tre assist (di cui due in seconda) in nove partite disputate. Kamber ha giostrato costantemente nei primi due blocchi e nella seconda unità di powerplay, ma nonostante questo continua a faticare.

Pär Arlbrandt (Bienne – 0 top, 1 flop): Il Bienne sta vivendo un momento davvero complicato, contraddistinto da quattro sconfitte consecutive e da una certa sterilità a livello offensivo, con un misero gol segnato nelle ultime tre partite di campionato. Un chiaro specchio della situazione è l’attaccante svedese che, oltre a mancare l’appuntamento con il gol oramai da quattro uscite, è protagonista di prestazioni passive anche in difesa, come ben testimonia il -5 complessivo nel weekend.

Denis Malgin (ZSC Lions – 0 top, 1 flop): l’enfant prodige zurighese sembra essersi inceppato ormai da qualche partita. Pur giocando con ottimi compagni di linea – Nilsson e Keller venerdì, Neuenschwander e Bärtschi sabato – non va a punti dal secondo match di campionato e deve ancora trovare il primo gol stagionale.

Laureato in Scienze Politiche all'università degli studi di Pavia con lavoro di tesi sul diritto costituzionale svizzero.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in National League