Social Media HSHS

National League

I nuovi volti della NLA 2019/20: l’austriaco Peter Schneider

Il Bienne ingaggia a sorpresa Peter Schneider per il suo pacchetto stranieri. MVP dell’ultima stagione di EBEL, l’attaccante sarà all’altezza della National League?

© GEPA

I nuovi volti della NLA 2019/20: l’austriaco Peter Schneider

PETER SCHNEIDER


Età: 28
Posizione: RW
Altezza: 183 cm
Peso: 91 kg
Tiro: right

Nazionalità: 🇦🇹

Provenienza: Vienna Capitals (EBEL)
Draft:
Contratto: un anno

© SkySportAustria

Saprà reggere il ruolo?

La scelta del Bienne di affidarsi a uno straniero proveniente dal campionato austriaco (perlopiù “in affari” con la Swiss League) ha sicuramente del sorprendente. Peter Schneider, ala destra 28enne proveniente dai Vienna Capitals raggiunge infatti Pouliot, Rajala e Salmela nel pacchetto d’importazione dei seeländer.

Miglior marcatore dell’ultimo campionato di EBEL, Schneider è un giocatore dal buon pattinaggio e dalla tecnica notevole, non velocissimo ma abbastanza agile e dotato di buon possesso del disco. Il tutto va rapportato a un campionato di seconda fascia europea come quello austriaco, il vero test per Schneider sarà il debutto in una lega veloce e molto più tecnica e selettiva come quella elvetica.

Abituato lontano da casa

Cresciuto nelle prime selezioni giovanili di Vienna, all’EAC Pinguin, Schneider è poi stato “dirottato” al Ceske Budejovice nei campionati U18 e U20 della Repubblica Ceca nell’ambito di un programma di scambio tra le federazioni.

Attorno all’età di 18 anni escono le prime qualità da discreto scorer di Schneider, il quale si distingue non solo con la maglia del Ceske (segnando il maggior numero di game winning gol) ma anche con quella dell’Orli Znojemsti. Nel frattempo crescono anche le partecipazioni di Schneider con la maglia della nazionale giovanile austriaca, prendendo parte ai mondiali U18 e U20-D1 ma soprattutto a un U20.

L’Indiana come scuola di vita e di hockey

Dopo la partecipazione al Mondiale U20 di Saskatoon e Regina in Canada, Schneider propende per rimanere in Nord America, indossando la maglia degli Indiana Ice nella USHL, la massima lega junior degli Stati Uniti.

Dopo i buoni risultati ad Indianapolis, Schneider passa quindi alla lega universitaria NCAA con la maglia di Notre Dame, istituto di buon prestigio sempre nell’Indiana.

Il livello della NCAA è un altro e Schneider soffre il passaggio di categoria, non riuscendo a mettere in mostra i grandi numeri della stagione in USHL. Il picco massimo è di 8 reti e 8 assist in 39 partite nella stagione 2013/14 e dopo quattro annate mediocri (22 gol e 25 assist in 138 partite) Schneider può finalmente debuttare tra i professionisti.

Il suo primo contratto tra i “grandi” lo ottiene sempre nell’Indiana, agli Indy Fuel in ECHL, trovando 4 reti e 4 assist nelle 10 partite finali di regular season nel 2015. Durante quell’estate l’austriaco ottiene il rinnovo del contratto con la squadra di Scott Hillmann.

Buoni, anche se non eccezionali, i risultati anche nella stagione successiva, l’ultima nell’Indiana per Schneider. L’attaccante passa quindi ai Florida Everblades per una manciata di partite e quindi ai Kalamazoo Wings, con i quali mette a segno 50 punti in 51 partite.

Il vero salto è il ritorno in Europa

Senza alcuna prospettiva concreta di ottenere un contratto in una lega superiore alla ECHL, Schneider gioca un’ultima decina di partite in Nord America con la squadra del Michigan all’inizio della stagione 2017/18, per poi tornare in Austria per la prima volta dal 2006.

A volerlo sono i Vienna Capitals di Serge Aubin – ex coach degli ZSC Lions – a quel tempo alle prese con degli importanti infortuni in attacco. Schneider ripaga alla grande la fiducia, mettendosi in luce con 117 punti in due stagioni, fregiandosi pure del titolo di miglior marcatore e MVP dell’ultima stagione austriaca.

Buoni numeri, ma sempre messi a segno in campionati minori, quella di Peter Schneider risulta una grande scommessa messa sul piatto dal Bienne di Antti Törmänen.

Redattore, Alessandro Zacchetti si occupa di articoli e interviste relative all’HC Lugano e ai Ticino Rockets, con un occhio verso l’hockey europeo.

Click to comment
Pubblicità

HSHS Talk

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in National League