Social Media HSHS

NHL

I Kings devono aspettare, New York conquista gara 4

kings
KINGS @ RANGERS

1-2

(0-1, 1-1, 0-0)

rangers
Reti: 07’25 Pouliot (Moore, Brassard) 0-1, 26’27 St. Louis (Kreider, Stepan) 0-2, 28’46 Brown 1-2.

Note: Madison Square Garden, 18’200 spettatori.
Penalità: Los Angeles Kings 4×2′, New York Rangers 3×2′
3 Stars: Lundqvist, St. Louis, Pearson

NEW YORK – I Los Angeles Kings dovranno aspettare perlomeno sino a venerdì notte per alzare al cielo la Stanley Cup. I New York Rangers sono infatti riusciti a vincere la loro prima partita della serie al termine di un match combattuto sino all’ultimo secondo, con il portiere Henrik Lundqvist che si è eretto ad assoluto protagonista con una prestazione contraddistinta da 41 parate.

Sulla falsa riga di quanto evidenziato da Los Angeles nei primi due incontri, la vittoria di New York è arrivata grazie ad un mix letale formato da un portiere in grande spolvero e da un po’ di fortuna. La franchigia di Manhattan è stata infatti superata nel conteggio dei tiri per addirittura 41-19, ma i Rangers stavolta hanno saputo capitalizzare nei momenti decisivi e conservare poi il vantaggio acquisito.

Pouliot ha regalato l’1-0 ai suoi grazie ad una deviazione nello slot su tiro di Moore dopo 7 minuti di gioco, mentre St. Louis ha ottenuto il raddoppio sfruttando un disco rimasto pericolosamente dalle parti di Quick. I padroni di casa hanno però incassato qualche minuto più tardi il 2-1 a firma capitan Dustin Brown, che ha sfruttato l’episodio che ha visto uno sfortunatissimo Girardi rompere il bastone nel tentativo di effettuare un passaggio sulla linea blu. Ne è poi scaturito un classico contropiede che Lundqvist non ha saputo contenere.

Parlando di episodi fortunosi, però, New York in questa occasione ha sul suo conto addirittura due dischi che si sono fermati esattamente sulla linea di porta, uno durante il primo tempo ed un altro nelle ultimissime battute della partita. Il primo è stato miracolosamente salvato da Stralman, mentre sul secondo ci ha messo lo zampino Stepan. Il video di seguito vale più di mille parole.

Da segnalare anche un’asta piena colpita da Gaborik durante il periodo centrale, così come un conteggio dei tiri negli ultimi 20 minuti di gioco che ha visto Los Angeles prevalere per addirittura 15-1. Come già successo in passato, però, Lundqvist non è capitolato sotto pressione ed ha strappato la sua prima vittoria in carriera in una finale della Stanley Cup.

Il portierone svedese pare trovarsi a suo agio negli incontri in cui la sua squadra fronteggia l’eliminazione, visto che nelle ultime 8 occasioni in cui la stagione dei Rangers è stata ad un nulla dal concludersi, ha ottenuto un’impressionante media di parate del 96.8% e 0.98 reti subite a partita.

I New York Rangers hanno inoltre stabilito un record di otto vittorie casalinghe consecutive quando confrontati con l’eliminazione, risultato mai raggiunto da nessun’altra franchigia nella storia.

Nonostante il successo, però, il coltello dalla parte del manico lo ha sempre Los Angeles, che ha la ghiotta opportunità di vincere la Stanley Cup in gara 5 davanti al suo pubblico. I Rangers avranno indubbiamente preso un po’ di fiducia da quanto ottenuto giovedì notte, soprattutto considerando che la vittoria è arrivata al termine di una partita non propriamente da incorniciare.

Attualmente l’ago della bilancia pende ancora completamente verso i Kings. Solamente nel caso in cui New York dovesse riuscire a vincere la quinta partita, si potrà tornare a parlare di una serie per la Stanley Cup. Sino ad allora, l’unica cosa che i Rangers avranno ottenuto sarà di aver evitato lo sweep.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment

Altri articoli in NHL