Social Media HSHS

NHL

NHL e i Giochi Olimpici 2018: una decisione entro 6 mesi

7180278259_a1be2e3c71_z

SOCHI – Presso il Bolshoy Ice Dome di Sochi si è svolta nel corso della mattinata una conferenza stampa alla presenza di Gary Bettman, commissario della lega NHL, Don Fehr, direttore esecutivo della NHLPA, e Rene Fasel, presidente della IIHF.

La NHL e la NHLPA hanno la speranza di prendere presto una decisione in merito alla possibile partecipazione ai Giochi Olimpici del 2018, possibilimente nel giro dei prossimi 6 mesi.

“Nulla di questo è però stato discusso – ha commentato Bettmann – siamo tutti qui per goderci il torneo, dunque nulla verrà deciso ed affrontato in maniera definitiva mentre ci troviamo a Sochi. Ci sono tanti pro e contro nel fermare la NHL per permettere ai giocatori di partecipare ai Giochi, ma al momento siamo tutti concentrati sull’attuale torneo e non su questo argomento”.

Bettman ha però ammesso che continuare a partecipare alle Olimpiadi sarebbe una cosa molto positiva ma, nel caso in cui si decida il contrato, la decisione verrà comunicata largamente in anticipo, così da permettere alle diverse federazioni di organizzarsi al meglio.

Per quel che concerne l’associazione dei giocatori, Fehr ha affermato che il tutto verrà discusso con loro al termine del torneo e che si prenderanno tutto il tempo necessario per decidere se vorranno prendere parte alla competizione in futuro. “I fattori principali che NHL e NHLPA prenderanno in considerazione saranno l’ubicazione della città ospitante e la copertura assicurativa dei giocatori”, ha concluso Fehr.

Bisogna inoltre ricordare che storicamente gli indici televisivi della NHL non hanno mai avuto la tendenza ad aumentare dopo le Olimpiadi. La lega nordamericana non riceve inoltre alcun guadagno dai Giochi, e nemmeno i giocatori sono pagati per le partite disputate. La IIHF garantisce però un rimborso spese.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment

Altri articoli in NHL