Social Media HSHS

Roller

Doppio turno da sei punti per il Roller Club Biasca

Nemmeno le bizzarrie del calendario hanno saputo interrompere la striscia positiva del Biasca. Confrontati con un doppio turno in trasferta i ragazzi di Orlandi hanno fatto il pieno di punti e di fiducia sulle piste di Uri e Ginevra nel corso del fine settimana.

Come accaduto al Palaroller, anche ad Uri il Biasca mantiene a lungo le redini del gioco e il possesso della pallina ma commette molti errori che offrono diverse occasioni alla giovane squadra urana, nella quale emergono, in modo indiscutibile, alcune individualità di spicco come il giovane portiere Blöchlinger e soprattutto l’argentino Felipe Sturla.

Proprio quest’ultimo apre le marcature dopo appena due minuti. Il Biasca prova a reagire, ma riesce a pareggiare solo alla fine del primo tempo grazie ad un’autorete dell’altro straniero dei gialloneri, André Da Costa. Prima della pausa c’è ancora tempo per la traversa di Orlandi che, evento più unico che raro, non realizza dal dischetto.

Dopo la pausa Orlandi si rifà immediatamente: con una cannonata su punizione indiretta infila sotto l’incrocio dei pali il vantaggio del Biasca in vantaggio. Passano solo 20 secondi e Sturla sorprende il portiere rivierasco Figueiredo riportando la sfida in parità.

In seguito, il Biasca prende fiducia e in 5 minuti dilaga, con Orlandi che questa volta trafigge Blöchlinger dal dischetto, Camillo Boll, autore di uno spunto personale di pregevole fattura, e l’eterno Cleto Ré abile a sedere il portiere avversario ed insaccare in seguito ad un veloce contropiede con Gregorio Boll.

Grazie a due reti dei suoi stranieri, i padroni di casa si rifanno sotto, ma nel finale Scanavin sigla il definitivo 6 a 4 a favore dei ticinesi, che ancora una volta non brillano ma portano a casa tre punti preziosi.

Due giorni dopo, a Ginevra, il copione si ripete. Pronti via e Ruggiero tocca nella porta di un incolpevole Figueiredo che mette i biancoviola da subito a rincorrere. La reazione del Biasca passa da azioni lente e prevedibili che non sorprendono l’attenta difesa dei romandi. Sono quindi nuovamente i padroni di casa a trovare la via del gol per un 2-0 che costringe Alberto Orlandi a chiamare il time-out.

La strigliata del campione viareggino ha l’effetto voluto e, dopo qualche attimo alla ricerca del varco giusto, è Gregorio Boll ad insaccare il gol che dà il via alla rimonta, sul sublime assist dello stesso Orlandi.

Il Biasca macina finalmente gioco e diventa piano piano padrone della pista, Orlandi ammacca ancora l’incrocio dei pali dal dischetto e, a due minuti e mezzo dalla pausa, insacca il gol del pareggio con un gran gol da fuori area dopo un’azione corale.

Nella ripresa ci pensa allora il solito Orlandi a dare l’esempio per chiudere definitivamente la pendenza Ginevra: sfrutta un bel blocco di Rodoni e trafigge con un gran tiro il portiere romando. Dopo di che, salvo qualche fiammata degli stranieri ginevrini, solo Biasca. Gregorio Boll realizza la doppietta personale, imitato poco dopo da Orlandi.

Sabato alle 17 si torna al Palaroller, dove ci sarà la possibilità di continuare la striscia positiva, a patto di non sottovalutare il fanalino di coda Thun.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in Roller