Social Media HSHS

NHL

Dallas riparte da coach Montgomery, con un gruppo intrigante ma non privo di lacune

Nessun acquisto di peso per i texani, che baseranno la loro manovra su alcune superstar come Seguin, Benn e Radulov. Dovrà dare maggiore sicurezza Bishop tra i pali, che potrà contare su un backup di qualità come Khudobin

A partire dal 3 ottobre ricomincerà lo spettacolo della NHL, con quattro partite che daranno il via ufficialmente al campionato più bello del mondo.

Anche quest’anno HSHS vi proporrà la presentazione di tutte e 31 le franchigie della NHL, con degli articoli riassuntivi che ci accompagneranno sino ad inizio ottobre.


STARS

La rosa 2018/19

PORTIERI
Ben Bishop, Anton Khudobin

DIFENSORI
Marc Methot, John Klingberg, Stephen Johns, Esa Lindell, Roman Polak, Julius Honka

ATTACCANTI
Jamie Benn, Jason Spezza, Alexander Radulov, Tyler Seguin, Martin Hanzal, Valeri Nuchushkin, Blake Comeau, Davin Shore, Mattias Janmark, Radek Faksa, Brett Ritchie, Tyler Pitlick, Gemel Smith


Nonostante delle ottime operazioni di mercato, l’ultima stagione dei Dallas Stars era terminata con la deludente esclusione dai playoff, conseguenza principalmente di un periodo nero che aveva visto la squadra perdere otto partite di fila nel momento più delicato dall’anno.

La rosa degli Stars è però decisamente attrezzata – a maggior ragione dopo il faraonico rinnovo a Tyler Seguin – ed assieme all’ex Bienne vedremo ancora in pista i vari Jamie Benn, Alexander Radulov, John Klingberg oppure Ben Bishop, che rappresenteranno nuovamente l’ossatura della squadra.

La novità principale riguarda invece la panchina, guidata ora da coach Jim Montgomery, che ha preso il posto di Ken Hitchcock diventando il terzo allenatore dei texani sull’arco degli ultimi tre anni. In questo senso si spera dunque di trovare una certa stabilità, per cercare finalmente di diventare una squadra da playoff con regolarità, dopo aver giocato il post season solamente due volte sull’arco degli ultimi 10 anni.

Guardando all’attacco, Benn, Seguin e Radulov hanno trascinato la fase offensiva combinando 103 dei 235 gol realizzati dalla squadra, ma a parità numerica sul ghiaccio gli Stars hanno fatto parecchio fatica (23esimi in questa speciale classifica). Dal mercato non è però arrivato nessun ingaggio di rilievo, dunque si spera nel rilancio di elementi come Jason Spezza, Martin Hanzal oppure di Valeri Nichushkin, che tornerà a Dallas dopo un periodo passato in KHL.

Un apporto offensivo sarà poi chiesto alla difesa, guidata come sempre dall’eccezionale John Klingberg, che potrebbe venir supportato da giovani come Julius Honka oppure Miro Heiskanen.

Complessivamente la difesa di Dallas vanta infatti alcune promesse interessanti, a cui si vanno ad aggiungere dei solidi veterani come Marc Methot e Roman Polak. Klingberg – fresco di rinnovo sino al 2022 – è inoltre reduce da un’ottima stagione da 67 punti, ed anche Esa Lindell è in continua ascesa.

Tra i pali la situazione nel recente passato è invece stata piuttosto turbolenta in Texas, con l’arrivo di Ben Bishop che ha solamente in parte fermato l’emorragia. Con un discreto 91.6% di parate l’ex portiere dei Lightning ha dei margini di miglioramento, e sarà supportato dal nuovo arrivato Anton Kuhdobin, ottimo nel recente passato a Boston in qualità di backup di Rask.


Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in NHL