Social Media HSHS

NHL

Brad Richards scartato per gara 4, in arrivo il buyout?

6350332903_972ca92cbd_z(Robert Kowal)

NEW YORK – Nemmeno due anni fa i New York Rangers erano riusciti a mettere a segno un vero e proprio colpo di mercato, ovvero ingaggiare Brad Richards con un contratto di 9 anni ed un compenso totale di 60 milioni di dollari. Giovedì notte lo stesso giocatore non scenderà in pista per la decisiva gara 4 di playoff contro i Boston Bruins, ma sarà costretto a guardare i compagni dalla tribuna in quanto escluso dalla formazione titolare da John Tortorella. Nessun infortunio, nessuna squalifica… Semplicemente Richards in pista è incisivo tanto quanto un fantasma, ed in una situazione come questa i Rangers hanno bisogno di ben altro.

Non è dunque da escludere che nell’imminente offseason la dirigenza dei Rangers decida di sbarazzarsi di Richards e del suo onerosissimo contratto con l’ennesimo buyout, che si aggiungerebbe così a quelli di Chris Drury e Wade Redden che, fortunatamente, scadranno questa stagione. Nel caso decidessero di farlo, Richards costerebbe ai Rangers 24 milioni nel corso dei prossimi 14 anni. Se invece dovessero optare per il buyout al termine delle prossima stagione, il su costo salirebbe a 27 milioni.

Su NBC ProHockeyTalk è presente un interessante articolo in cui vengono riassunti i motivi per cui i New York Rangers potrebbero effettivamente decidere di “eliminare” Richards. Di seguito un breve riassunto.

1. Usare il cap space altrove
In seguito al nuovo CBA, ogni squadra ha la possibilità di effettuare 2 buyout per cercare di adattare il proprio cap alla prossima stagione che, vi ricordiamo, scenderà dagli attuali 70.2 miioni di dollari a 64.3 milioni. I Rangers attualmente hanno già 51.5 milioni di dollari bloccati con i 18 giocatori attualmente sotto contratto per il prossimo campionato. Si dovranno però rinnovare gli importanti contratti di Derek Stepan, Ryan McDonagh, Carl Hagelin e, eventualmente, Mats Zuccarello.

2. L’arrivo di Derick Brassard
Il giovane attaccante arrivato a New York in seguito al trade a Columbus di Marian Gaborik ha dato immediatamente i suoi frutti. Il 25enne ha messo a segno 10 punti in 10 partite di playoff, e nel postseason è attualmente il top scorer della squadra. Richards dovrebbe essere un centro da prime due linee, ma attualmente Brassard e Stepan stanno giocando alla grande. I conti sono presto fatti…

3. La sua carriera è in fase calante
A 33 anni, non è un segreto che la carriera di Brad Richards andrà sempre più in calando. C’è dunque da domandarsi che tipo di giocatore sarà tra 3 o 4 anni. C’è inoltre da considerare il fatto che se il giocatore dovesse decidere di ritirarsi prima della scadenza del contratto, i Rangers sarebbero penalizzati dal punto di vista del cap.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment
Pubblicità

Collegamenti veloci

Commenti recenti

Pubblicità

Altri articoli in NHL