Social Media HSHS

Ambrì Piotta

Ambrì sconfitto per 5-3 dal Lev Praga nella seconda amichevole

Hcap

AMBRÌ – LEV PRAGA

3-5

(2-0, 0-4, 1-1)

HC_Lev_Praha.svg
Reti: 5′ Schlagenhauf (Bianchi) 1-0, 9′ Schlagenhauf (Trunz) 2-0, 22′ O’Byrne (Kapanen) 1-9, 26′ Crow (Thornberg, Gragnani) 2-2, 36′ Repik (Jaakola) 2-3, 38′ Ullström (Pacovsky) 2-4, 42′ Pedretti (El Assaoui) 3-4, 60′ Repik (porta vuota) 3-5.

Note: Küssnacht am Rigi. Arbitri Prugger, Unterfinger; Kovacs, Küng

Penalità: Ambrì 2×2′, Lev Praga 3×2′

KÜSSNACHT AM RIGI – Nella serata di venerdì l’Ambrì Piotta è sceso in pista per la seconda ed ultima amichevole della pausa olimpica, incrociando i bastoni con la formazione del Lev Praha senza gli assenti Reichert, Chavaillaz, Steiner, Mieville, Park e Lüthi, schierando così El Assaoui in attacco e Schaefer tra i pali.

Al momento, stando a quanto riportato dal giornalista Marco Maffioletti su Twitter, la società biancoblù non si sarebbe sbottonata sulle condizioni di Daniel Steiner, il quale ha incassato un colpo mercoledì nella partita contro lo Zugo. Per quel che riguarda Reichert, invece, le sue condizioni non preoccupano e dovrebbe essere in pista per la ripresa martedì contro gli ZSC Lions.

DSC_9393

Ad inizio partita i biancoblù si sono portati velocemente in vantaggio grazie ad una doppietta di Schlagenhauf ottenuta nei primi 9 minuti di gioco. Gli ospiti hanno però cambiato marcia nel periodo centrale, durante il quale hanno realizzato ben 4 reti e colpito anche un palo, con Schaefer non sempre al meglio.

I biancoblù hanno offerto un ottimo primo tempo, evidenziato un netto calo in quello centrale, e si sono poi ripresi negli ultimi 20 minuti, durante i quali hanno accorciato nel punteggio grazie al 4-3 di Pedretti. Con Schaefer richiamato in panchina è poi arrivato il 5-3 definitivo a porta sguarnita.

La partita, come quella di mercoledì, non ha comunque fornito troppi spunti di riflessione. La speranza dei biancoblù è ora quella di poter affrontare il finale di stagione con il minor numero di infortuni possibili, sperando nel rientro di elementi fondamentali come Mieville, e nel veloce recupero di Steiner.

Capo redattore e fondatore, Andrea Branca si occupa di tutti gli aspetti gestionali e redazionali. Si è laureato in Scienze della Comunicazione con un Master in Gestione dei Media all'Università della Svizzera italiana.

Click to comment

Altri articoli in Ambrì Piotta